fbpx

Aeroporto Catania, Ugl Terziario: garantire la sicurezza dei lavoratori

Ugl Terziario ha scritto alla società di gestione dell'Aeroporto di Catania per chiedere "la tutela della sicurezza dei lavoratori che, quotidianamente, devono operare dentro lo scalo"

A una settimana dalla riapertura di Fontanarossa non si placano le polemiche sulla situazione dell’aeroporto di Catania, con particolare riguardo alla sicurezza sul lavoro. A riaccendere il tema è Ugl Terziario Catania, che ieri ha inviato una lettera alla Società aeroporto di Catania e, per conoscenza all’Azienda Sanitaria Provinciale di Catania, chiedendo al gestore dello scalo “Vincenzo Bellini” di ottemperare alla verifica urgente del rispetto, da parte di tutte le attività commerciali presenti all’interno del terminal “A”, delle prescrizioni impartite il 5 agosto dal Dipartimento di prevenzione dell’Asp stessa.

“Tutelare la salute dei lavoratori”

“La riapertura del punto nevralgico del nostro aeroporto, dopo 20 giorni di stop a causa dell’incendio che si è verificato in una parte dello stesso, è stato sicuramente un fatto rilevante che ha contribuito a far tornare ad una progressiva normalità il traffico passeggeri in un periodo di elevata stagione come quello in corso”, dice il segretario Carmelo Catalano. “Considerate però le rilevazioni effettuate dal laboratorio incaricato dal Dipartimento prevenzione e le conseguenti regole prescritte da chi è preposto a tutelare la salute, che noi abbiamo condiviso appieno, riteniamo però che fino a nuove disposizioni tutti gli interessati hanno l’obbligo di attenersi rispetto a quanto indicato. Per noi della Ugl Terziario la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori che, quotidianamente, devono operare dentro il luogo oggetto delle raccomandazioni dell’Asp, deve essere massima e proprio per questo ci siamo sentiti in dovere di chiedere alla Sac di controllare”.

Gli obblighi di vigilanza della Sac

“Tra l’altro”, aggiunge Catalano, “l’attività di accertamento è in capo alla Sac, come recita la nota dell’Asp, che ad esempio non può di certo sottrarsi all’obbligo di rilevare eventuali violazioni in riferimento alla riduzione dell’esposizione degli operatori nell’ambito del terminal ‘A’ con turni di lavoro che al giorno devono essere non superiori alle 4 ore. Vigilanza che, in prima istanza, appartiene al medico competente ed al responsabile per il servizio di prevenzione e protezione delle aziende che conducono le imprese commerciali dentro la stazione di Fontanarossa. Confidiamo, quindi, in una pronta risposta da parte della Sac che, siamo certi, è altamente sensibile alla salvaguardia di chi lavora nello scalo, soprattutto in questo delicatissimo momento di lenta ripresa dopo il grave fatto accaduto lo scorso 16 luglio”, conclude il segretario provinciale della Ugl terziario.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli