fbpx

Agricoltura, è allarme. Cgil e Flai: “Criminalità ne controlla una gran fetta”

I sindacati dopo gli arresti a Caltanissetta: “Nelle campagne illegalità diffusa. Più controlli, coordinamento tra le forze in campo e percorsi di valorizzazione delle aziende sane”

“Il quadro di illegalità diffusa nelle campagne che sta emergendo in questi giorni è sconcertante, si confermano le nostre denunce, ma anche il fatto che evidentemente le misure di prevenzione adottate non sono sufficienti”. Lo scrivono in una nota congiunta la Cgil e la Flai siciliane dopo l’operazione della Digos di Caltanissetta che ha portato a 10 misure cautelari per sfruttamento di braccianti e intermediazione illecita di manodopera. “Alle forze dell’ordine – affermano  i segretari generali di Cgil e Flai Alfio Mannino e Tonino Russo – va il nostro plauso”. L’operazione segue peraltro gli arresti di ieri tra Enna e Agrigento per truffa all’Ue e l’emergere delle intimidazioni a scopo di estorsione nelle campagne di Agrigento, con il taglio dei vigneti.

“Gran fetta dell’economia agricola in mano alla criminalità”

I due esponenti sindacali sottolineano inoltre come sia “evidente che la lotta all’illegalità non può essere esperita solo sotto la forma della repressione. Chiediamo intanto che siano subito assegnati in Sicilia gli ispettori del lavoro del concorso nazionale, come da accordo Stato- Regione già siglato. Inoltre di rendere pienamente operativo – aggiungono-il tavolo   contro il caporalato che si è insediato a luglio creando un coordinamento tra le forze in campo. Ma anche di fare decollare la rete del lavoro agricolo di qualità e di costruire nell’ambito del Piano di sviluppo rurale percorsi per  valorizzare  le aziende sane. “La fetta di economia agricola in mano alla criminalità – sostengono Mannino e Russo-  è grande, chiediamo già da ora a quello che sarà il nuovo governo di fare quanto più possibile in tema di controlli, con grande attenzione sulle nuove risorse che arriveranno in Sicilia affinché servano allo sviluppo della nostra regione e non a foraggiare mafia e criminalità”. “Le ripercussioni di questa situazione di illegalità – concludono i segretari di Cgil e Flai- gravano su lavoratori e agricoltori e sull’intera economia compreso il consumatore finale per  meccanismi speculativi che fanno impennare i prezzi. E’ interesse di tutti spezzare le catene dell’illegalità”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
329FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli