fbpx

Agrigento taglia gli incidenti mortali: è la provincia con il calo maggiore

I dati di Aci e Istat indicano la Sicilia come una delle regioni in cui si muore meno sulle strade. Agrigento registra una riduzione del 78 per cento rispetto al 2010 e centra l'obiettivo dell'Ue

Nel 2018 sulle strade siciliane sono morte 210 persone, due in più rispetto al 2017. Ma il tasso di mortalità nell’isola è di 4,2 decessi ogni 100 mila abitanti, tra i più bassi d’Italia e inferiore alla media nazionale che è di 5,5. Lo rivelano le statistiche provinciali elaborate da ACI e Istat. Che svelano anche un primato siciliano: Agrigento è la provincia in cui gli incidenti mortali sono calati di più dal 2010.

Il primato di Agrigento

Accanto a dati negativi come quello di Messina (19 vittime in più nel 2018), ci sono casi positivi. Trapani ha registrato 16 morti in meno. Agrigento, come si legge sul comunicato Aci, “è tra le pochissime province italiane che hanno già raggiunto l’obiettivo Ue di ridurre del 50 per cento, entro il 2020, i morti per incidente stradale” rispetto al 2010. Dieci anni per dimezzare i decessi. Ad Agrigento ne sono bastati otto. Sono solo altre cinque le province italiane che sono riuscite a ottenere lo stesso risultato: Barletta-Andria-Trani (-66 per cento), L’Aquila e Campobasso (-52 per cento), Taranto (-51 per cento) e Terni (-50 per cento). Agrigento però le batte tutte, con un calo del 78 per cento.

I tassi di mortalità

La mortalità è in diminuzione in tutta Italia (-1,6 per cento rispetto al 2017). Nel dettaglio, si legge sul comunicato Aci, “si sono registrati 172.553 incidenti con lesioni a persone, che hanno causato 3.334 decessi e 242.919 feriti. Rispettivamente 472 incidenti, 9 morti e 665 feriti, in media, ogni giorno”. Tuttavia, in 12 casi su 21, si registra un aumento delle vittime in valore assoluto. La Sicilia, con due decessi in più rispetto al 2017, è tra questi. Guardando al 2010, anno di partenza dell’analisi di Istat e Aci, la situazione era decisamente peggiore: 279 decessi, ossia 5,6 ogni 100 mila abitanti. Nonostante i passi avanti, però, allargando l’obiettivo Ue di dimezzare i morti tra il 2010 e il 2020, la Sicilia ha ancora tanto da migliorare: il calo è di poco inferiore al 25 per cento. Il risultato di questi otto anni è frutto di un’andatura altalenante. Nel 2011 e nel 2012, il tasso di mortalità è sceso, fino ad arrivare a 4,6 morti ogni 100 mila abitanti. Nel 2013 invece, è salito fino a 5, per poi tornare a calare nel nel 2014 (4,1) e risalire a 4,4 nel 2015. L’anno migliore per la Sicilia è stato il 2016, quando il tasso è sceso per la prima (e per ora unica) volta sotto quota 4.

RegioneSicilia
Tasso 20184,2
Morti 2010279
Morti 2017208
Morti 2018210
Incidenti 201014.255
Incidenti 201711.056
Incidenti 201811.017

Le cause degli incidenti

Secondo l’Istat, gli incidenti sono dovuti soprattutto a comportamenti errati. “Tra i più frequenti si confermano la distrazione alla guida, il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8 per cento dei casi). Le violazioni al Codice della Strada risultano in diminuzione rispetto al 2017. Le più sanzionate sono l’inosservanza della segnaletica, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza a bordo e l’uso del telefono cellulare alla guida; in diminuzione le contravvenzioni per eccesso di velocità”.

- Pubblicità -
Desirée Miranda
Desirée Miranda
Nata a Palermo, sono cresciuta a Catania dove vivo da oltre trent'anni. Qui mi sono laureata in Scienze per la comunicazione internazionale. Mi piace raccontare la città e la Sicilia ed è anche per questo che ho deciso di fare la giornalista. In oltre dieci anni di attività ho scritto per la carta stampata, il web e la radio. Se volete farmi felice datemi un dolcino alla ricotta

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli