fbpx

Artigianato in Sicilia, firmato protocollo di sicurezza e prevenzione Inail-Opra

Il protocollo firmato nelle scorse ore da Inail e Opra prevede, tra le altre cose, iniziative di formazione, informazione e sensibilizzazione per le imprese dell'artigianato in Sicilia

Un protocollo d’intesa per la sicurezza delle imprese dell’artigianato in Sicilia: il documento è stato firmato nelle scorse ore da Giovanni Asaro, direttore regionale Inail Sicilia, e da Sebastiano Molino ed Eugenio Sasso, coordinatori di Opra Sicilia. Il protocollo prevede, tra le altre cose, la promozione di iniziative di formazione, informazione e sensibilizzazione delle imprese artigiane. Ciò al fine di migliorare la conoscenza dei rischi nello svolgimento delle attività lavorative. Obiettivi da raggiungere anche attraverso l’organizzazione e la promozione di eventi e iniziative mirate alla promozione della cultura della sicurezza. Incontri attraverso cui saranno diffuse le buone pratiche nel settore dell’artigianato per abbattere il rischio di infortuni sul lavoro. 

I contenuti del Protocollo Inail-Opra

L’Istituto, da soggetto erogatore di prestazioni assicurative, è diventato soggetto attivo di protezione sociale, orientando la sua azione alla tutela globale delle lavoratrici e dei lavoratori contro gli infortuni sul lavoro e le tecnopatie, estendendo la tutela anche ad interventi di prevenzione. L’Inail è, da tempo, collocato nel sistema prevenzionale nazionale con compiti di informazione, formazione, assistenza, consulenza e promozione della cultura della prevenzione. In particolare nei confronti delle medie, piccole e microimprese. L’attività dell’Inail Sicilia è svolta in coerenza con il piano nazionale della prevenzione 2020-2025 del Ministero della Salute ed il piano triennale per la prevenzione Inail 2022-2024. Entrambi strumenti di riferimento per l’attuazione delle politiche di prevenzione in Italia.

L’Organismo paritetico regionale dell’artigianato

Opra svolge funzioni di promozione, orientamento e coordinamento delle attività di prevenzione, di programmazione delle attività formative. Ma anche di raccolta di buone prassi a fine prevenzionistici e di sviluppo di azioni inerenti alla salute e sicurezza sul lavoro. Tra i compiti dell’OPRA vi è anche la promozione, il monitoraggio ed il coordinamento della rete regionale siciliana degli Organismi Paritetici Territoriali. Previsto anche il supporto all’attività dei Rappresentati dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale (RLST).

Il ruolo delle “botteghe” nell’economia siciliana

“L’impegno di tutta la struttura regionale dell’Inail è diretto a fornire tutto il supporto e la consulenza necessaria alle aziende artigiane siciliane che vorranno misurarsi per migliorare la sicurezza dei propri lavoratori. Quest’anno sono stati quasi 22 milioni di euro stanziati in favore delle imprese siciliane  destinati ad aumentare i livelli di salute e sicurezza sul lavoro con il bando ISI”. Queste le dichiarazioni del direttore regionale Inail Sicilia Giovanni Asaro, che poi aggiunge: “Attraverso la stipula di questo protocollo sarà possibile fornire un importante contributo per raggiungere un duplice obiettivo; più alti standard di sicurezza per i lavoratori, una maggiore diffusione dei valori d’impresa nonché di competitività in un mercato tra imprese che operano nel rispetto delle norme”.

“Incremento culturale della prevenzione”

Per Eugenio Sasso e Sebastiano Molino, coordinatori OPRA Sicilia, “la firma del protocollo d’intesa con l’Inail Sicilia si inserisce nel solco dell’attività portate avanti a livello nazionale dall’Opna (Organismo paritetico nazionale per l’artigianato) con l’iscrizione, a luglio, nell’Albo del Ministero del lavoro, quale Organismo paritetico in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Un’occasione, quella della collaborazione con Inail, suggellata dal protocollo d’intesa che è nei nostri programmi rendere operativo nella realizzazione di progetti nei confronti dell’artigianato per l’incremento culturale della prevenzione. Abbiamo messo a disposizione, oltre alla nostra organizzazione, i nostri 27 RLST della Sicilia per incrementare la realizzazione delle attività di sviluppo delle funzioni prevenzionali”.

Il ruolo dell’Ebas nell’artigianato siciliano

La sottoscrizione del protocollo d’intesa è avvenuta alla presenza di Florinda Scala e Rosanna Laplaca, presidente e vicepresidente Ebas, che hanno dichiarato quanto l’Ente bilaterale per l’artigianato siciliano ponga, da sempre, la promozione della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro tra i suoi obiettivi principali. Hanno inoltre ricordato come l’Ebas intervenga con propri fondi per favorire la riorganizzazione dell’attività produttiva finalizzata all’adeguamento e al mantenimento della normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, con contributi fino a duemila euro per singola azienda.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli