fbpx

Avis, “Messina importa 5 mila sacche di sangue ogni anno”. Avvocati in campo

La città dello Stretto è "virtuosa", dicono i vertici dell'organizzazione, ma perché diventi indipendente "serve sinergia tra enti e associazioni per organizzare giornate di raccolta"

“Tra qualche anno probabilmente Messina sarà fuori dalla carenza di sangue ma al momento importiamo da fuori cinquemila sacche ogni anno, mentre il nostro fabbisogno è 12 mila”: è il dato annunciato dal vicepresidente della Sezione comunale Avis Francesco Previte, in occasione dell’incontro di presentazione delle mattine dedicate alla donazione nella sede dell’Ordine degli avvocati.

Avvocati in campo

“È la prima volta che il nostro ente scende in campo”, ha detto il presidente Domenico Santoro, “gli iscritti, molti dei quali già autonomamente donavano, adesso diventeranno “testimonial” speciali della raccolta di sangue”. Appuntamento nella piazza del Tribunale da lunedì 12 a venerdì 16 dicembre: “Nelle cinque giornate, dalle ore 8,30 alle 12- ha spiegato il direttore amministrativo IRCCS Bonino Pulejo Maria Felicita Crupi – il nostro personale specializzato accoglierà i cittadini per spiegare loro come funziona la donazione, registrare la disponibilità a donare il proprio sangue, effettuando il primo prelievo di controllo e, in caso di regolarità, due giorni dopo la vera e propria donazione”.

Sinergia tra enti e associazioni

All’incontro hanno preso parte diversi consiglieri dell’Ordine e anche Salvatore Leonardi, coordinatore locale Organi e tessuti e e responsabile UOC Anestesia Rianimazione IRCCS Bonino Pulejo: “Per i cittadini è un’opportunità preziosa di aiutare chi ha bisogno di sangue e lotta tutti i giorni. Faremo gli esami ematochimici per verificare che il sangue sia idoneo alla donazione”. L’iniziativa, promossa da Ordine degli avvocati insieme con Avis e IRCCS Bonino Pulejo è stata particolarmente apprezzata: “La partecipazione dell’Ordine degli avvocati è un valore aggiunto”, ha sottolineato Giuseppe Rao, direttore sanitario IRCCS Bonino Pulejo, “serve sinergia tra enti e associazioni per organizzare grandi giornate di raccolta come quelle previste da questa iniziativa”.

Messina città “magnanima”

Per la referente locale del procuramento e donazione Lorenza Mazzeo: “Questo evento rientra nell’ottica di una nuova filosofia in cui gli ospedali incontrano i cittadini e collaborano per costruire insieme una sanita migliore. La gente viene in ospedale quando ha bisogno, adesso è l’ospedale che ha bisogno… di sangue”. Infine una riflessione sulla generosità dei messinesi: “Messina è una città molto magnanima nella raccolta ad esempio di denaro, i donatori di sangue sono aumentati negli ultimi anni e anche durante la pandemia”, ha concluso Previte, “ma sul sangue, il nostro bene più prezioso, a volte registriamo una diffidenza da parte dei messinesi che vanno invogliati a questo atto di solidarietà”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
349FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli