fbpx

Bancomat, in Sicilia solo il 38 per cento è a prova di bomba. L’allarme della Fabi

Secondo Fabi Palermo, solo il 38,2 per cento dei bancomat siciliani ha i sensori per impedire lo scoppio di una bomba. Le richieste alle istituzioni nazionali

I bancomat della Sicilia non sono affatto a prova di bomba: a denunciarlo è Gabriele Urzì, dirigente nazionale Fabi e responsabile sicurezza Fabi Palermo. Secondo il dirigente, nell’Isola “solo il 38,2 per cento degli Atm ha i sensori per impedire l’esplosione“. I dati sono tratti dal report delle difese anticrimine del settore bancario anno 2023.

I dati dei bancomat della Sicilia

“Secondo il report dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi) l’allarme locale/remoto connesso a sensori antiscasso è presente al 91,4 per cento”, aggiunge Urzì. “La blindatura del mezzo forte 78,6 per cento, le difese passive per impedire l’asporto del mezzo 88,9 per cento e i sensori di presenza gas e/o dispositivi atti ad impedire l’esplosione 38,2 per cento. Inoltre, nel 45,4 per cento degli impianti è presente la tracciabilità e/o macchiatura delle banconote, i dispositivi per localizzare gli Atm asportati 32,7 per cento, i dispositivi atti a proteggere il locale contenente l’Atm 79,8 per cento e i dispositivi atti ad impedire l’introduzione nel mezzo di gas e/o esplosivi solidi 49,2 per cento”.

Le richieste di Fabi Palermo

“Le misure hardware /software di protezione delle componenti di interazioni con la carta”, prosegue il dirigente di Fabi, “sono presenti nel 72,2 per cento dei bancomat, mentre la collocazione degli ATM in area blindata ad alta sicurezza 46 per cento, i dispositivi passivi per rafforzare la blindatura e l’ancoraggio dell’Atm 37,6 per cento, la video registrazione 73,6 per cento. In ultimo i sistemi predittivi di analisi si rilevano nel 43,8 per cento delle apparecchiature mentre il rinforzo dei dispositivi di riferma 35,9 per cento. Dal report emerge inoltre che il 36,2 per cento degli Atm sono di marca NCR, il 24,4 per cento Wincor Nixdorf e il 17,3 per cento Diebold. Il 54,5 per cento ha una certificazione CEN (European Commitee for Standardization) III, il 57,8 per cento delle apparecchiature è situato fronte strada, il 59,8 per cento è dotato della sola funzione di prelievo. Mentre il 40,2 per cento delle funzioni prelievo e versamento”.

Bancomat non a prova di bomba

“È assolutamente necessario implementare alcune misure di sicurezza. Come la presenza dei sensori per impedire le esplosioni o i nebbiogeni”, conclude Urzì, “che producono in pochi secondi una nebbia bianca densa. Impenetrabile alla vista, persistente ed atossica. Bisogna tenere conto che solo nella città di Palermo lo scorso anno in pochi mesi si sono registrati ben sei attacchi a bancomat. Con danni notevoli e grande pericolo per cose e persone”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli