fbpx

Primo bilancio positivo, in 30 anni, per l’aeroporto di Trapani

L'azienda è intervenuta migliorando in efficienza, riducendo le perdite, investendo sui servizi. Tutte strategie che hanno portato al primo bilancio positivo della storia. Il presidente di Airgest Salvatore Ombre: "Tappa fondamentale per arrivare alla riqualificazione infrastrutturale"

L’assemblea dei soci di Airgest, società di gestione dell’aeroporto di Trapani Birgi, ha approvato all’unanimità il bilancio 2023, che segna per la prima volta nella storia della gestione, iniziata 30 anni fa, un risultato economico d’esercizio positivo. In base ai numeri comunicati dall’azienda, il valore di produzione è cresciuto di oltre il 50%, gli utili sono in aumento di oltre il 100% e i ricavi sono più che raddoppiati.

I dati del bilancio 2023 di Airgest

Il bilancio 2023 riporta un valore della produzione netto di oltre 10 milioni di euro (+51% sul 2022). Un Ebitda (reddito escluso da interessi, imposte e ammortamenti) di 1,6 milioni di euro e +249% sul 2022. L’utile d’esercizio è di 505 mila euro, cioè il +122% sul 2022. La posizione finanziaria netta è di 3,2 milioni di euro. I ricavi complessivi sono aumentati di oltre il 50% con una costante razionalizzazione degli aggregati di costo, a cui si aggiungono i risultati positivi registrati dalla partecipata Tafs. Società che si occupa del deposito e lo stoccaggio di carburante.

Il commento del presidente di Airgest, Salvatore Ombra

Commentando i dati del bilancio di Airgest, il presidente Salvatore Ombra, ha messo l’accento sul ruolo sociale dello scalo. In assemblea ha anche presentato i risultati di uno studio sull’impatto economico dell’attività aeroportuale nel territorio, traducibile in oltre 300 milioni di euro annui di valore aggiunto. “I risultati di questo bilancio sono un traguardo che ci dà grande soddisfazione e ci gratifica per l’enorme lavoro svolto” ha dichiarato Ombra, aggiungendo di aver previsto l’arrivo di risultati positivi. “Costituisce, così come programmato nel nostro piano industriale, una tappa fondamentale del percorso di risanamento che passa dall’equilibrio economico per arrivare, speriamo a breve, ad una importante quanto indispensabile riqualificazione infrastrutturale“.

Dimezzate le perdite nel 2021 e nel 2022

Al primo bilancio in positivo, Airgest, è arrivata intervenendo sull’efficienza aziendale e nello specifico spiega il presidente Ombra: “Rivedendo integralmente le tariffe per i servizi, gli accordi con i sub-concessionari commerciali, ed introducendo nuovi rami di business, che in combinato disposto con i volumi di traffico registrati e, soprattutto, con l’imprescindibile supporto del nostro azionista, il governo della Regione Siciliana, hanno consentito nell’esercizio 2023 di raggiungere risultati inediti”. Airgest ha migliorato le performance peggiori. “Dopo aver dimezzato le perdite nel 2021 e nel 2022. Ritengo che a conclusione di questo triennio, tutti gli obiettivi che ci erano stati richiesti dagli azionisti siano stati raggiunti e mi ritengo soddisfatto per il lavoro svolto” ha concluso Salvatore Ombra.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli