fbpx

In Sicilia le bollette più care d’Italia per l’energia elettrica

Nell'isola si è speso più del Veneto, regione dove le famiglie hanno dovuto accantonare 814 euro (2.525 kWh) per le bollette dell'energia elettrica. Senza gas di città nelle abitazioni vince l'utilizzo di dispositivi elettrici, che fanno lievitare i costi

Nel 2023 le bollette in Sicilia sono state tra le più care d’Italia. Le famiglie dell’isola hanno speso 825 euro a nucleo per la sola energia elettrica. Il prezzo dell’energia è aumentato ovunque nel paese. Il consumo medio a famiglia rilevato da Facile.it è infatti stato di 2.835 kWh che, considerando le tariffe dello scorso anno in regime di tutela, corrisponde a 914 euro. Ovvero il 18,7 per cento in più rispetto la media. Discorso differenze per le bollette del gas in Sicilia, risultate tra le più basse in tutta la Penisola.

La Sicilia elettricità più care del Veneto

È bene ricordare – spiega Facile.it – che in molte parti della regione non è attivo il riscaldamento con gas di città. Una situazione che spesso viene compensata utilizzando dispositivi elettrici con conseguenti forti impatti sui consumi. Sembra essere questo il motivo per cui la Sicilia è la seconda regione per spesa in energia elettrica. Lo scorso anno sono stati messi a budget dalle famiglie, mediamente, 825 euro con un consumo medio rilevato di 2.557 kWh. Nell’isola si è speso più del Veneto, regione dove le famiglie hanno dovuto accantonare 814 euro (2.525 kWh). Guardando la classifica dal lato opposto emergono aree in cui – a fronte di consumi elettrici più contenuti – le bollette sono state più più leggere. È accaduto in Liguria (642 euro per un consumo di 1.991 kWh), Basilicata (662 euro, 2.054 kWh) e in Trentino-Alto Adige (675 euro, 2.093 kWh). In cima alla classifica di spesa per energia elettrica c’è la Sardegna. L’Isola è stata la zona d’Italia con bollette più pesanti. Il consumo medio a famiglia rilevato è stato di 2.835 kWh che corrisponde ad un costo di 914 euro. In questo caso il 18,7 per cento in più rispetto alla media nazionale

Bollette del gas più basse in Sicilia

Anche per il gas le bollette variano a seconda dei consumi medi rilevati. Se nel 2023 sul fronte dell’elettricità gli abitanti del Trentino-Alto Adige sono stati tra i più fortunati, la situazione cambia per la fornitura di gas, dal momento che hanno pagato il conto più salato. Mediamente, 976 euro (a fronte di un consumo medio di 1.049 smc) il 13 per cento in più di quanto rilevato a livello nazionale. Seguono, a breve distanza, la Lombardia (968 euro con un consumo medio di 1.040 smc) e l’Emilia-Romagna (958 euro, 1.030 smc). Le aree in cui, di contro, nel 2023 le bollette del gas sono state più leggere sono la Sicilia (598 euro, 643 smc), la Campania (609 euro, 654 smc) e il Lazio, dove la spesa per il gas è stata di 619 euro (665 smc).

Nel 2024 le bollette dell’energia saranno meno care

Tra luce e gas, lo scorso anno gli italiani hanno pagato, mediamente, 1.633 euro a famiglia. Erano 2.349 nel 2022. “Nel 2023 abbiamo fatto i conti con bollette meno salate, con l’arrivo del 2024 assistiamo a buoni segnali sul fronte del costo delle materie prime, ma questo non significa che automaticamente le bollette caleranno”, spiega Mario Rasimelli, Managing Director Utilities di Facile.it. “Il consiglio è di continuare a monitorare i propri consumi, verificando periodicamente se sul mercato esistano offerte in grado di farci risparmiare”. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli