fbpx

Catania di nuovo senza sindaco: Pogliese ri-sospeso per la “Severino”

Il primo cittadino di Catania, condannato in primo grado per peculato, era stato sospeso per 18 mesi , e successivamente reintegrato fino all'esame di costituzionalità della norma "Severino". La sospensione verrà di nuovo applicata

Prima sindaco, poi sospeso nel luglio del 2020, poi nuovamente in carica. E, poco più di un anno dopo, nuovamente sospeso. Questa la vicenda politica di Salvo Pogliese da sindaco di Catania. L’ex parlamentare regionale ed europeo è stato nuovamente sospeso a seguito della condanna in primo grado per peculato con l’accusa di aver usufruito di fondi spettanti al proprio gruppo parlamentare mentre era deputato all’Assemblea regionale siciliana. Oggi la comunicazione al primo cittadino che, su una nota nella propria pagina Facebook, parla di una comunicazione ricevuta dalla Prefettura e non dal Tribunale.

La nota del Comune

“Il segretario generale del comune di Catania Rossana Manno nel pomeriggio di oggi ha notificato al sindaco Salvo Pogliese una nota del prefetto Maria Grazia Librizzi, con cui comunica che ‘…ha ripreso la sua efficacia il decreto prefettizio originario di sospensione del 24 luglio 2020( emanato ai sensi della legge Severino) che si esaurirà decorsi 18 mesi complessivi, al netto del periodo di sospensione’. Questa la nota inviata alla stampa dal comune di Catania.

Si applica la “Severino”

Il reintegro era avvenuto a dicembre 2020, a seguito dell’invio della controversa norma “Severino”, dal nome dell’ex ministra dell’Interno che se ne fece promotrice, inviata all’esame della Corte Costituzionale proprio da parte del tribunale di Catania dove Pogliese è stato condannato, accogliendo il ricorso del collegio di difesa del sindaco pro tempore. A poco più di un anno, e proprio nel giorno del primo voto per l’elezione del presidente della Repubblica, il nuovo stop: si riapplica la sospensione. Nelle prossime ore si saprà di più su destino politico della città, affidata d’ufficio nella precedente sospensione al vicesindaco Roberto Bonaccorsi come facente funzione.

La nota di Pogliese su Facebook

“In maniera del tutto inaspettata – scrive Pogliese sulla propria pagina Facebook – mi ritrovo a commentare l’ennesimo atto che riporta indietro le lancette della mia esperienza da Sindaco. Oggi pomeriggio ho ricevuto dal Prefetto una nota, in assenza di una ordinanza da parte del Tribunale, che mi comunica la sospensione dalla carica di Sindaco; il tutto con una interpretazione della normativa, a giudizio di illustri giuristi errata, in contrasto con la stessa ultima sentenza della Corte Costituzionale nei miei confronti, che ha sancito la “natura giuridica cautelare e non sanzionatoria della sospensione”. La stessa legge Severino sarà sottoposta a referendum in primavera e ci sono numerosi disegni di legge per modificarla, dopo l’analoga vicenda che ha coinvolto per ultimo il sindaco del Pd di Reggio Calabria. Ho lasciato un comodo seggio a Bruxelles e l’immunità parlamentare che mi avrebbe tutelato dall’applicazione della Severino, per servire la mia Città. Astenendomi per sensibilità istituzionale dallo svolgimento delle funzioni di Sindaco, aspetterò i chiarimenti del caso prima di fare tutte le opportune valutazioni e assumere scelte consequenziali.

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Catanese, mai lasciata la vista dell'Etna dal 1984. Dal 2006 scrivo della cronaca cittadina. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli