fbpx

Cgil Catania: “Aiuti alle famiglie”

Il segretario generale della Camera del Lavoro etnea chiede che si intervenga con misure straordinarie, "dove il lavoro sommerso è parte integrante dell'economia locale"

Giacomo Rota, segretario generale della Camera del Lavoro di Catania, chiede un intervento straordinario per le famiglie per fronteggiare la crisi economica dovuta all’emergenza sanitaria in atto. “Come Cgil – spiega in una nota inviata alla stampa – abbiamo il dovere di aprire gli occhi al Governo e chiedere un reddito straordinario alle famiglie e ai singoli. Un reddito che serve subito. In una città del Sud molto complessa come Catania, dove il lavoro sommerso è parte integrante dell’economia locale, i classici ammortizzatori sociali, gli aiuti alle imprese e alle partite Iva sono indispensabili ma purtroppo non bastano”, afferma. 

“Ha ragione il ministro Provenzano”

Rota, nel suo intervento, cita il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano. “Ha ragione quando dice che il Meridione non può essere considerato alla stregua del resto d’Italia. I soldi in tasca servono a tutti gli italiani, compresi quelli che in questi anni non hanno lavorato con contratti decorosi. Sarebbe ancor meno decoroso lasciarli al loro destino. Il governo deve adottare misura coraggiose, anche ampliando o modulando diversamente il reddito di cittadinanza, affinché la disperazione non prenda il sopravvento”. Rota cita anche il discorso del 27 marzo del presidente della Repubblica Mattarella “che ha fatto riferimento alla necessità di ‘ulteriori iniziative comuni, superando vecchi schemi ormai fuori dalla realtà’, poiché  ‘la solidarietà è anche nel comune interesse'”.

“Investire risorse anche sottraendole ai privati”

Spazio, nella riflessione del segretario Cgil etneo, anche al tema Salute. “La Sanità pubblica sta dimostrando quanto essa sia prioritaria per la tenuta della sicurezza dei singoli e della comunità. La Cgil lo sostiene da sempre. Ciò vale  anche al Sud, stando ai numeri meno coinvolto dai contagi, ma stando alla realtà molto più fragile in termini di servizi sanitari. È qui che vanno investite subito le risorse, se necessario anche sottraendole ai privati. È necessario rimettere la persona al centro delle attenzioni delle istituzioni locali e centrali. I cittadini catanesi, o siciliani, e come loro qualunque altro cittadino del mondo, vanno considerati da chi governa e amministra, prima di tutto persone da riposizionare al primo posto degli interessi, guardando anche  agli anziani e ai disabili, oggi ancora più soli. Il monito di Papa Francesco è valido anche per noi laici: siamo tutti sulla stessa barca, ricchi o poveri. Riscoprire la persona è la chiave per superare la grave crisi che già ha invaso le nostre vite”, ha concluso Rota.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli