fbpx

Cgil Sicilia in piazza contro l’autonomia differenziata e per la sanità pubblica

L'autonomia differenziata, denuncia Cgil Sicilia, rischia di "assestare un colpo definitivo al già fragile sistema sanitario siciliano". Sindacato in piazza giovedì 20 giugno

Sarà anche una protesta contro l’autonomia differenziata la manifestazione regionale per il diritto alla Salute e per il rilancio della sanità pubblica che la Cgil Sicilia, insieme alle categorie Funzione pubblica e Spi regionali, ha organizzato per il 20 giugno, con concentramento in piazza Parlamento alle 10.30, a Palermo e corteo fino a Palazzo D’Orleans. Un provvedimento che va proprio in questi giorni al voto a Montecitorio, voluto dal leghista Calderoli. “È destinato ad assestare un colpo definitivo al già fragile sistema sanitario siciliano“, dice una nota della Cgil. “Allargando il divario con le regioni del nord e rendendo più effimero il diritto alla salute”.

Cgil Sicilia contro l’autonomia differenziata

Un diritto già fragile nell’isola, come dimostrano le lunghe liste d’attesa, lo stato dei Pronto soccorso e degli ospedali, la debolezza della medicina del territorio. Una situazione della quale la Cgil attribuisce le responsabilità al governo nazionale per i mancati investimenti ma anche al governo regionale “che”, dice il segretario generale della Cgil siciliana, Alfio Mannino, “guarda alla sanità solo come luogo di clientele e di spartizione di potere. E quel che è più grave”, aggiunge Mannino, “è che il governo Schifani non ha contrastato il ddl Calderoli. Decreto penalizzerà al sud tutti i servizi essenziali anche l’istruzione, ma lo ha anzi appoggiato”.

Dati della sanità regionale “drammatici”

Dicono i segretari generali di Spi e Fp, Maria Concetta Balistreri e Gaetano Agliozzo: “Siamo ancora in attesa del piano di riordino della rete ospedaliera e del rilancio della medicina del territorio. E che venga affrontato il problema della drammatica carenza di personale sanitario”. Nella piattaforma di Cgil, Fp e Spi anche la riqualificazione di Rsa e Cta, il rafforzamento della rete di emergenza-urgenza, l’integrazione socio-sanitaria, la sicurezza del personale sanitario. I dati sono drammatici. Ogni anno 800 mila siciliani rinunciano alle cure a causa della risposta rallentata e inadeguata del sistema sanitario pubblico e dei costi del privato, interi reparti ospedalieri, anche i Pronto soccorso, arrancano o chiudono, in Sicilia non si fa adeguata prevenzione e non vengono garantiti i livelli essenziali di assistenza, mancano medici e paramedici.

“La nostra mobilitazione non si fermerà”

I risultati delle disuguaglianze nell’accesso a cure e servizi incidono pesantemente sull’aspettativa di vita in buona salute. La Sicilia è al riguardo la penultima regione d’Italia. Seguita dalla Calabria, con un gap che supera i cinque anni di vita rispetto al Trentino e gli 11 anni rispetto alla provincia autonoma di Bolzano. E con l’autonomia differenziata, si rischia la diminuzione delle risorse. “Si andrà dunque dal male in peggio”, dice Mannino, “scivolando con un percorso già avviato da un servizio sanitario nazionale fondato sulla tutela di un diritto costituzionale a 21 sistemi sanitari regolati dalle leggi del libero mercato. La frattura Nord-Sud si consoliderà”. Di nuovo in piazza dunque per la sanità e con una ragione più. “Contrastare un provvedimento che spacca il Paese”, conclude la nota della Cgil, “contro il quale la nostra mobilitazione non si fermerà”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli