fbpx

Collegamenti isole minori: Regione Siciliana e Caronte & tourist ai ferri corti

La partita per il nuovo affidamento delle tratte per le isole Eolie e per tutte le isole definite minori della Sicilia non sarà affatto semplice. La risposta dell'amministratore delegato della Caronte & tourist, Vincenzo Franza, alle dichiarazioni dell’assessore regionale ai Trasporti, Alessandro Aricò

“Le nostre navi sono sempre più idonee ai collegamenti verso le isole minori”. La risposta dell’amministratore delegato della Caronte & tourist, Vincenzo Franza, alle dichiarazioni dell’assessore regionale ai Trasporti, Alessandro Aricò è arrivata a stretto giro di posta, attraverso l’ufficio stampa. E lascia prefigurare che la partita per il nuovo affidamento delle tratte per le isole Eolie e per tutte le isole definite minori della Sicilia non sarà affatto semplice, anzi rischia di avvilupparsi in se stessa con conseguenze negative per le popolazioni che abitano in queste isole.

Le parole dell’assessore

Appena tre giorni fa il componente della giunta Schifani a una precisa domanda del nostro giornale sul futuro dei collegamenti marittimi da e per le isole minori alla luce delle vicende giudiziarie, aveva chiarito: “Sui collegamenti ricorreremo alla procedura negoziata senza bando: entro la fine di agosto chiederemo un parere ai sindaci delle Isole minori prima di procedere”. Aricò aveva aggiunto che “in alcune tratte la Caronte non potrà essere invitata perché si tratta di lotti che la compagnia messinese si era aggiudicata e poi successivamente ha rinunciato dopo l’aggiudicazione provvisoria”.

Leggi anche – Isole minori, intesa Regione-Caronte. Schifani: “Più collegamenti per le Eolie”

Sale il costo dei trasporti speciali alle isole Eolie

L’assessore aveva anche insinuato, riferendosi a quanto stava avvenendo sulle isole Eolie a causa dell’aumento del 500 per cento dei biglietti per i trasporti speciali disposto dalla Caronte, che allo stato attuale su alcune isole c’erano in atto fenomeni speculativi per l’aumento dei costi dei prodotti infiammabili. E per avvalorare questo suo concetto aveva fatto l’esempio di Lampedusa, “dove – ha detto – il costo dei carburanti rispetto a prima degli aumenti non è cresciuto”.

La vicenda giudiziaria

Per quanto riguarda, invece, la vicenda specifica alla battaglia giudiziaria col sequestro a giugno, su disposizione della Procura di Palermo, della flotta della Caronte, va aggiunto che dopo il ricorso presentato al tribunale del riesame e rigettato a luglio con la conferma del sequestro della flotta, la Caronte allora ha dichiarato definitivamente risolti per sopravvenuta impossibilità della prestazione i contratti regionali, mantenendo inalterati i servizi ma erogandoli in regime di libero mercato e cioè senza contributo pubblico.

Nessuna rinuncia all’aggiudicazione di due lotti

Le parole di Aricò non sono, quindi, apparse consone alla direzione della Caronte che ha replicato: “Che la Regione Siciliana cerchi altre compagnie di navigazione interessate a operare sulle rotte da e verso le isole minori è istituzionalmente doveroso. Va tuttavia chiarito, riguardo alle affermazioni dell’Assessore Aricò, che Caronte & Tourist, in riferimento a due lotti della precedente gara, non ha rinunciato all’aggiudicazione provvisoria, ma, essendo scaduti i termini di aggiudicazione, non ha confermato la propria offerta, a causa dei noti problemi interpretativi sulla normativa relativa alle persone a mobilità ridotta”. “D’altra parte – ha aggiunto l’amministratore delegato della compagnia –  continuiamo a ritenere che le nostre navi, peraltro di recente dotate di ascensori per come richiesto specificamente dagli ultimi bandi della Regione Siciliana, siano le più idonee a operare per i servizi richiesti per le loro caratteristiche tecnico nautiche“.

Pronti a ricorrere in tribunale

“E, aggiungiamo – ha proseguito nel discorso -, l’essere riusciti ad effettuare – per quanto possibile – i collegamenti in regime di libero mercato, nonostante il sequestro di tre mezzi navali, testimonia una capacità organizzativa che non potrà che ulteriormente affinarsi con il prossimo arrivo in Sicilia della Nerea, che a breve arricchirà di nuove tecnologie la flotta del Gruppo Caronte & Tourist”. L’amministratore a questo punto ha anche ventilato la possibilità di ricorrere in Tribunale avverso le procedure della Regione. “Non c’è nulla di anomalo nel tutelare le proprie ragioni nelle sedi competenti, soprattutto quando i temi in discussione paiono – a chi li vive – assolutamente chiari. Noi continueremo a farlo, forti delle nostre convinzioni e della fiducia nella giustizia e in chi la amministra”.

- Pubblicità -
Giuseppe Bonaccorsi
Giuseppe Bonaccorsi
Giornalista professionista con un passato di redattore esperto per molti decenni al quotidiano "La Siclia". Ha collaborato attivamente con diverse testate regionali e nazionali e per anni con l'agenzia stampa "Quotidiani associati". Attualmente collaboratore di diverse testate giornalistiche nazionali e regionali e in particolare de "Il dubbio", il "Fatto quotidiano" e "Domani".

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli