fbpx

Concessioni spiagge: da Mattarella ok con riserva. Incompatibile con diritto Ue

Promulgata la legge sulle concessioni demaniali all'interno del Milleproroghe. Mattarella ammette di avere firmato solo per necessità e con una lettera bacchetta il Parlamento: tempi e direttive europee non sono state rispettate

“Quanto alle modifiche approvate in materia di concessioni demaniali, è evidente che i profili di incompatibilità con il diritto europeo e con decisioni giurisdizionali definitive accrescono l’incertezza del quadro normativo e rendono indispensabili, a breve, ulteriori iniziative di Governo e Parlamento. Sarà infatti necessario assicurare l’applicazione delle regole della concorrenza e la tutela dei diritti di tutti gli imprenditori coinvolti, in conformità con il diritto dell’Unione, nonché garantire la certezza del diritto e l’uniforme applicazione della legge nei confronti dei soggetti pubblici e privati che operano in tale ambito”.

Non le manda a dire il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nella sua lettera ai presidenti delle Camere e del Consiglio dei Ministri. Oggi pomeriggio il presidente ha sì promulgato la legge di conversione del decreto-legge del 29 dicembre 2022 n. 198, recante “Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi”, il cosiddetto Milleproroghe, ma solo per una questione di necessità perché la legge non è chiamata Milleproroghe a caso, riguarda proprio diverse materie. Lo scrive chiaramente il presidente Mattarella che a pochi giorni dal termine sarebbe stato un grosso problema, per il Paese, non avere una norma di riferimento. “Sono tuttavia consapevole della delicatezza, sotto il profilo costituzionale, del rinvio alle Camere esercitato nei confronti di una legge di conversione di un decreto-legge, a pochi giorni dalla sua scadenza: farebbe, inevitabilmente, venir meno, con effetti retroattivi, in molti casi in maniera irreversibile, tutte le numerose altre disposizioni che il decreto-legge contiene, determinando incertezza e disorientamento nelle pubbliche amministrazioni e nei destinatari delle norme”.

Modifica del quadro normativo

Mattarella ha dunque firmato, ma al contempo ha anche scritto chiaramente che quanto deciso dal Parlamento a proposito di concessioni demaniali non va bene. Non solo mancherebbe qualsiasi procedura di selezione tra i potenziali candidati, i tempi sarebbero dilatati contrariamente a quanto previsto dalla normativa europea. Oltretutto si tratterebbe di una proroga della proroga. “Le modifiche odierne, apportate a tre articoli del decreto-legge e all’articolo 1 della legge di conversione, modificano in misura rilevante il quadro normativo sopra delineato”, si legge nella nota di Mattarella.

Leggi anche – Ultimo anno per le attuali concessioni demaniali. Tavolo permanente regionale

Tempi lunghi e norme incerte

“In particolare, – spiega il presidente – il termine relativo all’efficacia delle concessioni demaniali viene differito dal 31 dicembre 2023 al 31 dicembre 2024 e il termine entro il quale l’autorità competente può posticipare ulteriormente l’efficacia delle concessioni e dei rapporti in essere con atto motivato da ragioni oggettive viene differito dal 31 dicembre 2024 al 31 dicembre 2025. Inoltre, le concessioni e i rapporti in essere continuano in ogni caso ad avere efficacia sino alla data di rilascio dei nuovi provvedimenti concessori e – si aggiunge – fino all’adozione dei decreti legislativi attuativi della delega in materia di affidamento delle concessioni (in scadenza il 27 febbraio prossimo) è fatto comunque divieto agli enti concedenti di procedere all’emanazione dei bandi di assegnazione delle concessioni. Con l’effetto di creare ulteriore incertezza considerato che la delega in questione verrà meno fra tre giorni”.

Leggi anche – Balneari, gli indennizzi ai vecchi titolari li pagheranno i nuovi. ‘Pioggia di ricorsi’

Proroga antieuropea

“Un ulteriore elemento problematico – aggiunge ancora Mattarella – è legato al fatto che, alla luce delle pronunce dell’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato che ha ritenuto “senza effetto perché in contrasto con l’ordinamento dell’unione europea” “qualsiasi ulteriore eventuale proroga che dovesse nel frattempo intervenire”, gli enti concedenti potrebbero ritenersi comunque legittimati a disapplicare le norme in contrasto con il diritto europeo e a indire le gare, mentre i controinteressati potrebbero essere indotti ad impugnare eventuali provvedimenti di proroga delle concessioni, alimentando ulteriormente il contenzioso”.

- Pubblicità -
Desirée Miranda
Desirée Miranda
Palermitana di nascita ma catanese d’adozione e di fatto. Laurea in Scienze per la comunicazione internazionale (UniCt). Mi piace raccontare la città e la Sicilia ed è anche per questo che ho scelto di fare la giornalista. In quasi 15 anni di attività ho scritto per la carta stampata, il web e la radio occupandomi per lo più di economia e lavoro. Dal 2020 sono alla guida di FocuSicilia continuando a fare il mestiere più bello del mondo

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli