fbpx

Crédit Agricole Italia scala l’Etna con il Giro di Sicilia. Vince Alexey Lutsenko

I trofei sono stati esposti presso le filiali di Agrigento, Vittoria e Giarre dell'Istituto bancario, che nella sua Direzione Regionale Sicilia conta circa 180mila clienti. Presente alla premiazione finale anche Roberto Ghisellini, Condirettore Generale di Crédit Agricole Italia

Alexey Lutsenko completa per primo i 216 chilometri da Barcellona Pozzo di Gotto a Giarre, 3.700 metri di dislivello e vince il Giro di Sicilia 2023. Si tratta dell’ultima tappa, e la più lunga, del Giro di Sicilia Crédit Agricole 2023. L’atto conclusivo dell’evento che ha coinvolto 25 squadre provenienti da tutto il mondo per quattro tappe che dall’11 al 14 aprile hanno toccato buona parte dell’Isola, da Marsala a Giarre, sfidando oggi l’Etna con un’emozionante scalata. Non solo grande evento ciclistico, ma un evento in grado di promuovere a livello internazionale il patrimonio turistico di questo territorio ricchissimo di storia e tradizioni. Da quest’anno per la prima volta il Giro è stato organizzato con il sostegno di un nuovo compagno di viaggio: Crédit Agricole Italia che, per i prossimi tre anni, sarà partner delle Grandi Classiche del Ciclismo. 

La maglia bianca CA per il Miglior Giovane

Nel corso del Giro Gilliane Coeurderoy, Vice Direttore Generale di Crédit Agricole Italia, ha premiato il Miglior Giovane nella tappa che mercoledì è arrivata a Vittoria, Finn Fisher-Black (UAE Team Emirates). Una ulteriore conferma per il 21enne neozelandese dominatore di questa edizione, che sul palco di Giarre ha ricevuto la maglia bianca CA per il Miglior Giovane de “il Giro di Sicilia” da stato Roberto Ghisellini, Condirettore Generale di Crédit Agricole Italia. Maglia Giallo Rossa, leader della classifica generale, sponsorizzata dalla Regione Siciliana – Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Agenzia ICE con il brand Madeinitaly.gov.it – Vincenzo Albanese (Eolo-Kometa Cycling Team), maglia Verde Pistacchio, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Enel Green Power – Alexis Guerin (Bingoal WB). Tra i presenti anche Luca Natali, Responsabile della Direzione Regionale Sicilia del Gruppo. 
I trofei del Giro di Sicilia sono stati esposti presso le filiali di Agrigento, Vittoria e Giarre di Crédit Agricole Italia, che ha scelto di affiancare questo sport anche per la sua capacità di addentrarsi nei territori valorizzandone i paesaggi ed i percorsi. Resteranno esposte in alcune filiali per tutto il periodo delle Grandi Classiche del Ciclismo di Primavera anche i completi bike brandizzati Crédit Agricole Italia, che i clienti potranno cercare di aggiudicarsi partecipando ai contest dedicati che la Banca lancerà nei mesi di marzo e aprile. 

Una forte vocazione territoriale

Un’occasione, quella della gara, colta da Crédit Agricole Italia anche per sottolineare il suo legame con il territorio siciliano, che con circa 180mila clienti e 2 miliardi di impieghi, ha per il Gruppo un ruolo strategico in ambito commerciale. Frutto di una proficua ed efficace integrazione delle ex filiali Creval, la Sicilia rappresenta oggi una pagina centrale per il Gruppo Bancario.
È proprio questa forte vocazione territoriale, uno dei valori centrali che contraddistinguono il Crédit Agricole, a diventare un evidente punto in comune con il ciclismo, la grande passione italiana capace di affascinare oltre 10 milioni di appassionati, che condivide con la Banca anche l’impegno per l’inclusione, l’attenzione all’ambiente e la mobilità sostenibile. Questo sport non solo dà la possibilità̀ a tutti di mettersi alla prova sulle stesse strade su cui si sfidano i campioni, ma vanta anche tra i suoi spettatori un forte legame con la sostenibilità: l’87 per cento degli appassionati risulta infatti impegnato sul fronte del riciclo, il 71 per cento è d’accordo sull’utilizzare il meno possibile l’auto e il 54 per cento è disposto a pagare di più per prodotti sostenibili. 

La bicicletta simbolo del contrasto alla crisi climatica

L’impegno del Gruppo su questa tematica si riflette nell’integrazione sistematica del rischio climatico nelle strategie di finanziamento e investimento, nel ruolo sempre più significativo nel finanziamento di progetti per la produzione di energie rinnovabili e nell’accompagnamento dei clienti nella transizione verso un’economia sempre più rispettosa dell’ambiente e della società. La bicicletta poi, oltre a rappresentare simbolicamente il mezzo che si pone a contrasto della crisi climatica, ha guadagnato nel tempo anche una crescente spinta per l’innovazione, un altro dei valori trainanti della strategia di Crédit Agricole Italia. Anche il Gruppo ha infatti implementato nel tempo servizi innovativi in grado di garantire ai suoi clienti una completa operatività omni-canale (oltre il 50 per cento dei clienti opera attivamente attraverso i Canali Digitali). Crédit Agricole Italia e le grandi classiche di ciclismo torneranno il prossimo autunno con i giri di Piemonte e Lombardia.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli