fbpx

Disuguaglianza digitale: una famiglia su tre non è connessa

Solo una famiglia su sette ha una connessione in casa. E peggio fanno solo Calabria Basilicata e Molise, scrivono Con i Bambini e Openpolis. E non bastano gli investimenti infrastrutturali

Sono il 69,4 per cento le famiglie siciliane con una connessione a Internet in casa. Ovvero: quasi un terzo delle famiglie siciliane (il 30,6 per cento), è esclusa dalla vita digitale. Lo afferma uno studio dell’osservatorio sulla povertà educativa di Con i Bambini che, insieme a Openpolis, ha elaborato i dati sulla disuguaglianza digitale in Italia. Il tema, particolarmente urgente dopo il massiccio uso delle lezioni da remoto fatto nei mesi del lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19 (oltre 8 milioni di alunni coinvolti), vede la Sicilia tra le peggiori regioni d’Italia: la media nazionale delle famiglie connesse è del 76,1 per cento, il 6,7 per cento in più. E peggio fanno solo Calabria (67,3 per cento, quasi 9 punti al di sotto della media nazionale), Molise e Basilicata (69 per cento).

Non c’entrano le infrastrutture, ma i costi di connessione

E tra i fattori che incidono sull’uso di Internet, l’aspetto infrastrutturale sembra ormai superato. Basti pensare che la Regione più connessa d’Italia, il Trentino Alto-Adige con l’81,1 per cento di famiglie, è insieme al Molise anche quella con la rete ad alta velocità meno sviluppata: solo il 53,9 per cento del territorio, secondo i dati Agcom, è coperto da una linea con velocità superiore ai 30 megabit per secondo. Un dato su cui incide il territorio montuoso, ma che dimostra come per la Sicilia (con un territorio potenzialmente connesso pari al 94 per cento, terzo dato migliore d’Italia). E a Palermo raggiunge un picco del 96 per cento. il problema dell’infrastruttura di rete è quindi legato ai costi per le famiglie, con il 14 per cento delle siciliane non connesse che dichiarano questo come motivo principale del mancato accesso alla Rete. E il dato è strettamente legato alla composizione dei nuclei: le famiglie con tre o più figli sono anche quelle con meno risorse secondo lo studio. La povertà cresce all’aumentare dei figli dunque, e “non è sufficiente fornire temporaneamente e in comodato d’uso un dispositivo della scuola, che aumenta anche il divario auto percepito e il senso di precarietà – sottolinea Marco Rossi-Doria, Vice Presidente di Con i Bambini – lo Stato dovrebbe garantire alle famiglie in povertà relativa grave o in povertà assoluta la possibilità di accesso a internet veloce e almeno un computer dedicato ai ragazzi”.

A Ragusa il doppio dei dispositivi di Palermo

Oltre 300 milioni di euro sono stati spesi dal 2018, come sottolineato anche dall’assessore all’Economia Gaetano Armao, per potenziare l’infrastruttura di rete. E il documento di Economia e finanzia 2021-2023 (Defr) prevede in Sicilia un ulteriore investimento da 235 milioni di euro per dotare di “pc o tablet” 435 mila famiglie. Secondo Con I Bambini la Sicilia è peraltro attualmente tra le regioni con la dotazione più alta, 7 milioni di euro, di finanziamenti assegnati alle scuole del primo ciclo tramite l’ultimo bando Pon di aprile 2020 per l’acquisto di pc, tablet e dispositivi per la connessione a Internet: con oltre 8 milioni di euro meglio fanno solo Lombardia e Campania. La diffusione dei dispositivi ha però una forte differenziazione territoriale in Sicilia. Se a Ragusa i pc e i tablet a disposizione degli alunni sono 7,8 ogni cento, a Palermo la quota scende drasticamente a 3,7. La media regionale è di 5 dispositivi ogni cento alunni, ma le scuole per le quali è disponibile il dato sono solo 6 su 10.

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Trentasette anni, tutti vissuti sotto l’Etna. Dal 2006 scrivo della cronaca di Catania. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli