fbpx

Più istruite, meno retribuite: non è una regione per donne

In Italia divario salariale e occupazione femminile sono due problemi enormi. E in Sicilia il quadro è ancora peggiore

Più istruite rispetto agli uomini, ma meno occupate e retribuite. Questa è la fotografia delle donne italiane scattata dall’Istat “nell’indagine conoscitiva sulle politiche in materia di parità tra donne e uomini”, presentata alla Camera dei deputati nel 2017. Un’istantanea non ancora sbiadita. Sanare il divario prodotto dal gender gap è una priorità. Non a caso una legge sulla parità di genere nelle retribuzioni sarà una delle principali sfide lanciate dal nuovo governo. E inevitabilmente qualunque misura non potrà prescindere da interventi mirati e complessivi su un altro divario macroscopico: quello tra Nord e Sud del Paese. Con la Sicilia in fondo alla classifica. Il fenomeno è complesso e va letto tenendo in considerazione gli effetti di un welfare malconcio e delle discrepanze storiche tra le diverse aree del Paese. Il divario è infatti declinato in termini di genere, territorio di provenienza e di età anagrafica. Quantità di lavoro e non solo: è una questione di qualità. Retribuzioni più basse, a parità di qualifica, si legano alle minori possibilità di ricoprire figure apicali che inchiodano a posizioni di bassa classifica le giovani donne meridionali.

Sicilia in fondo alla classifica

L’occupazione femminile nelle regioni del Mezzogiorno è la più bassa d’Europa. Secondo i dati elaborati dalla Svimez nel rapporto del 2018 (l’ultimo al momento disponibile), le ultime posizioni in graduatoria sono occupate da Puglia, Calabria, Campania e Sicilia, con tassi di occupazione intorno al 30 per cento, circa 35 punti meno della media europea. In Sicilia c’è uno zoccolo duro di disoccupazione (il tasso è al 23,4 per cento, ma con quello di lunga durata al 14,3), dati drammatici che riguardano le più giovani (la quota di disoccupate tra i 15 e i 24 anni anni tocca il 52,9 per cento) e un’occupazione femminile del 29,2 per cento. Preoccupante non è solo la distanza rispetto agli occupati maschi (il 52,3 per cento), ma anche il fatto che il dato è inchiodato sullo stesso livello di un decennio fa. E non c’è titolo di studio che tenga. Dalle elaborazioni Svimez su dati Eurostat e Istat del 2018, emerge che appena sei donne laureate su dieci hanno un lavoro. La media europea è di otto su dieci. Senza dimenticare le diseguaglianze legate al tempo dedicato al lavoro di cura e alla loro traduzione in termini pratici. La partecipazione delle donne al mondo del lavoro è penalizzata e strettamente connessa ai carichi familiari: nel secondo trimestre 2017, il tasso di occupazione delle 25-49enni tocca l’81,1 per cento per le donne single, il 70,8 per cento per quelle che vivono in coppia senza figli, e il 56,4 per cento per le madri.

Più istruite, meno pagate

Un’altra penalizzazione per le lavoratrici è quella di tipo salariale. Una laureata da quattro anni che lavora al Sud ha un reddito medio mensile netto di 300 euro inferiore a quello di un uomo (mille euro contro 1300). Lo dice la Svimez che ha anticipato l’otto marzo di quest’anno i dati di un rapporto dal nome eloquente: “Questione femminile, altra faccia della questione meridionale”. Eppure, il tasso di scolarizzazione delle donne italiane tra i 30 e i 34 anni, seppur più basso delle coetanee del resto d’Europa, è comunque superiore a quello dei connazionali di sesso maschile. Le donne con una laurea in tasca tocca il 32,4 per cento, contro il 19,9 per cento degli uomini. Ma non basta. E lo dimostrano le cifre snocciolate dall’Istat. “Il divario di genere nel livello di reddito netto mensile per i laureati che lavorano a tre anni da conseguimento del titolo si quantifica in 233 euro nel caso dei laureati di primo livello e in 275 euro per quelli di secondo livello”. Uno dei fattori che incide di più è il lavoro part-time prevalentemente ad appannaggio delle donne. Il divario retributivo si dimezza se si analizza il dato sul tempo pieno in riferimento ai laureati di primo livello e si riduce a 217 euro nel caso dei laureati di secondo livello.

I numeri del divario retributivo

In termini retributivi il distacco tra uomini e donne è rimasto sostanzialmente stabile dal 2008. Nel 2014, il reddito guadagnato dalle donne è in media del 24 per cento inferiore a quello degli uomini (14.482 euro a fronte di 19.110 euro). Il divario, evidenziano i dati elaborati da Istat, varia al variare del titolo di istruzione con una differenza del 40 per cento in termini di salario (6.400 euro rispetto a 10.867 euro) per le donne con un basso livello di istruzione, mentre per le laureate il divario scende al 28% in meno dei maschi (18.326 euro rispetto a 25.624 euro). Va peggio alle donne laureate dedite al lavoro autonomo: il reddito netto è inferiore 44 per cento rispetto agli uomini. Minore quello delle donne con diploma di scuola primaria: il loro reddito è più basso del 24 per cento. Insomma, c’è ancora tanto da fare.

- Pubblicità -
Roberta Fuschi
Roberta Fuschi
Sono nata a Caltanissetta 35 anni fa. Catanese d’adozione. Scrivo di politica per passione e di questioni sociali per vocazione. In tasca ho un tesserino da pubblicista e sono mie due delle quattro mani che hanno scritto il libro “Violenza degenere. Storia di donne che hanno sconfitto la paura”.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
326FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli