fbpx

Verso Dubai expo 2020. Agen: “Puntare sulle eccellenze”

Un evento che prevede 25 milioni di visitatori, al quale la Sicilia imprenditoriale inizia a prepararsi con un anno di anticipo

Agroalimentare, turismo ed high tech. Sono questi i settori su cui la Sicilia punta in vista di Dubai expo 2020. Il grande evento nella futuristica città degli Emirati Arabi Uniti si terrà dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021, e prevede 25 milioni di visitatori. E con la prospettiva di intensificare gli scambi grazie all’Expo, sia Sicindustria a Palermo che la Camera di commercio del sud est a Catania hanno organizzato degli incontri tematici tra imprenditori ed esperti di un mercato molto diverso da quello Europeo. E nell’incontro etneo tenutosi giorno 8 luglio è stato Pietro Agen, presidente della Camera di commercio del sud est, a tracciare la rotta da seguire. “Dobbiamo iniziare a conoscere le regole ed entrare in contatto con le persone specializzate per entrare nel loro mercato”, ha affermato.

Export verso gli Emirati: Sicilia settima in Italia

Nei dati sull’export delle regioni d’Italia verso gli Emirati Arabi Uniti, tra il 2018 e il primo trimestre 2019, la Sicilia è settima dopo Lombardia, Toscana, Veneto, Emilia, Piemonte e Lazio. In questo interscambio tra i due Paesi è molto aumentato il segmento della gioielleria ma anche l’agroalimentare, i prodotti del petrolio e i trasporti. E secondo Agen “oltre all’agroalimentare e al turismo si deve puntare a tante altre nostre eccellenze delle nostre piccole e medie aziende, comprese hi-tech e produzione farmaceutica”.

Un vantaggio competitivo: il volo diretto da Catania

Per Agen i rapporti commerciali potrebbero essere facilitati “dall’esistenza di un volo diretto tra Catania e il potente hub commerciale”. Un’affermazione confermata da Nico Torrisi, amministratore delegato della SAC, società di gestione dello scalo aereo catanese e di Comiso e Presidente di Federalberghi Sicilia, che‪ ha evidenziato come “La rotta da Catania a Dubai, istituita nel giugno del 2018, ha registrato in appena un anno quasi 46 mila passeggeri a dimostrazione di quanto alto sia l’interesse per gli Emirati Arabi da parte dei siciliani e di come il collegamento diretto sia stata una scelta vincente”.

“Non bastano più i depliant, serve innovazione”

Presente all’incontro anche Mauro Marzocchi, segretario generale della Camera di industria e commercio negli Emirati Arabi. ‪Per Marzocchi, le possibilità di concludere affari di export con gli Emirati ci sono e anche forti. “Le aziende siciliane devono prepararsi ad essere da una parte competitive e dall’altra innovative. Sino a qualche anno fa si andava con la classica valigia carica di cataloghi, oggi per questo mercato ricco ma complicato non basta più, serve innovazione”. I lavori hanno registrato anche i contributi di Giuseppe Rizzo, consulente finanza d’impresa e servizi delle aziende, di Luigi Falanga, dottore commercialista e rappresentante della Camera di commercio italiana negli Emirati Arabi, e degli avvocati Francesco Scalia, rappresentante della Camera di commercio italiana negli Emirati Arabi e Antonio Varvaro, legal consultant in Dubai di AMV Eurolegal. Un secondo incontro di approfondimento in vista di Expo 2020 si terrà a Catania a settembre.

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Trentasette anni, tutti vissuti sotto l’Etna. Dal 2006 scrivo della cronaca di Catania. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli