fbpx

Erosione costiera in Sicilia. Lavori urgenti da Letojanni a Noto

Nella sola costa tirrenica 84 i chilometri di costa a rischio, su 14 comuni. Nell'agrigentino la spiaggia si è arretrata di circa 40 metri. Mentre nel centro barocco del siracusano la spiaggia è quasi sparita. Gli interventi in programma della Regione siciliana

Eraclea Minoa, Letojanni, Noto. Ma anche Caronia e altri 13 comuni del messinese sul versante terrenico. Sono settimane di intensa programmazione per l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal governatore siciliano Nello Musumeci. Nelle scorse ore la notizia di lavori lungo la costa di Noto, in provincia di Siracusa. Con la sua sabbia finissima e le acque basse, il lungomare della città barocca è da sempre meta di migliaia di turisti nella stagione estiva, ma la linea di riva sta, poco a poco, arretrando e in alcuni punti la violenza delle onde, a partire dal 2005, ha provocato seri danni a strutture private e al muro del piazzale del lido, letteralmente sventrato da una mareggiata. A progettare i necessari interventi per arrestare i fenomeni di erosione costiera sarà un raggruppamento di professionisti che fa capo allo Studio D’Arrigo di Messina e che si è aggiudicato la relativa gara.

L’erosione costiera a Lido di Noto

Lavori a Caronia e Letojanni

La Struttura commissariale, diretta di Maurizio Croce, prevede però interventi simili in gran parte dell’Isola. A marina di Caronia, nel Messinese, verrà realizzata una barriera lunga un centinaio di metri composta da una palancola in acciaio e da massi ciclopici. Costituirà, in pratica, un diaframma tra il mare e l’abitato che vi si affaccia, per evitare le disastrose conseguenze delle mareggiate, con l’ultima di forte entità registratasi nel 2019. Ad eseguire l’opera sarà la Angelico Costruzioni, impresa di Ispica. Lavori anche sulla costa jonica, a Letojanni. Nella cittadina a vocazione turistica, nei pressi di Taormina, verranno realizzate due nuove barriere. L’obiettivo è quello di mettere al riparo dai flutti un altro pezzo della riviera jonica contrastando il fenomeno, sempre aggressivo, dell’erosione. Si tratta del tratto compreso tra la via Catania e il torrente Letojanni. A occuparsene, un team di professionisti che fa capo allo studio Duomi di Palermo.

La costa erosa di Caronia

Costa tirrenica, 84 km da recuperare

Nel messinese, sulla costa tirrenica, sono in totale 14 i comuni interessati ai previsti lavori di consolidamento costiero. Oltre alla già citata Caronia, lavori saranno eseguiti ad Acquedolci, Brolo, Capo d’Orlando, Gioiosa Marea, Motta D’Affermo, Naso, Patti, Piraino, Reitano, Sant’Agata di Militello, Santo Stefano di Camastra, Torrenova e Tusa, per un totale di 84 chilometri di costa. Lavori anche nei 1.200 metri del lungomare Cristoforo Colombo di Villafranca Tirrena, sempre all’interno della città metropolitana di Messina. Nell’area, classificata con rischio “R4”, molto elevato, è previsto, con lavori a cura della Dinamica srl di Messina, un miglioramento della funzionalità con un recupero ambientale e paesaggistico del sito che ha una forte vocazione turistica, con la presenza di numerose strutture ricettive e balneari. Gli ultimi lavori risalgono al 2009.

La costa erosa di Eraclea Minoa

Eraclea Minoa, costa arretrata di 40 metri

Lavori anche nella costa Sud, nell’agrigentino. A Eraclea Minoa, la spiaggia ha subìto, nel tempo e per effetto delle mareggiate, un arretramento di circa quaranta metri, specificatamente tra il 2000 e il 2001, in coincidenza con la scomparsa delle dune. Complessivamente, si sono persi oltre cento metri di spiaggia. Da un punto di vista tecnico, l’intervento prevede la realizzazione di tre pennelli costituiti da massi ciclopici e il ripascimento della spiaggia. Il tratto che verrà recuperato, e che procede da Capo Bianco verso est per una lunghezza di circa due chilometri, comprende anche il boschetto che si trova a pochi metri dalla spiaggia. A eseguire i lavori sarà la Thetis Costruzioni srl di Ferrara

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli