fbpx

Fonti rinnovabili, Schifani: “La formazione professionale non funziona”

"Per realizzare questi ambiziosi progetti - ha detto il presidente - occorrono anche professionisti qualificati. Quindi è necessario prevedere investimenti significativi nella riqualificazione e nell'aggiornamento della forza lavoro"

Sulle fonti rinnovabili Schifani ritiene che si debba investire su un nuovo tipo di formazione professionale che faccia davvero incontrare domanda e offerta di lavoro industriale. Sono gli intenti espressi dal presidente della Regione durante l’intervento al convegno “Opportunità di utilizzo dell’idrogeno in Sicilia”. Un incontro organizzato all’Università di Catania dalla consulta dei direttori dei dipartimenti di Ingegneria degli atenei siciliani. “Per realizzare questi ambiziosi progetti – ha detto il presidente – occorrono anche professionisti qualificati. Quindi è necessario prevedere investimenti significativi nella riqualificazione e nell’aggiornamento della forza lavoro. Da qui nasce il sostegno del governo della Regione a iniziative come queste e al Master proposto dalla consulta dei dipartimenti di Ingegneria delle quattro Università siciliane. Serve alla formazione di tecnici da utilizzare per la transizione energetica basata sull’uso dell’idrogeno verde, fornendo anche il patrocinio all’iniziativa”.

“Il nostro sistema della formazione non funziona”

“Credo molto – ha aggiunto Schifani – nella sinergia tra formazione e istituzioni. Il nostro sistema della formazione professionale non funziona, va riformato con coraggio, senza fare sconti a nessuno. Sono stanco di vedere che la nostra terra produce figure che poi non si inseriscono nel tessuto lavorativo, economico e industriale. Capisco che incontrerò tantissime riserve nel portare avanti questa riforma, ma è il momento di una svolta, concentrerò i miei sforzi su quella che dovrà essere la ‘riforma del governo Schifani'”. Il presidente Schifani ha poi ribadito l’importanza di trasformare l’Isola nell’hub energetico dell’Europa, partendo proprio dalle fonti rinnovabili. “Sono tre i punti fondamentali della strategia del governo regionale sull’idrogeno – ha aggiunto – rendere la Sicilia un’area di eccellenza per lo sviluppo delle tecnologie connesse all’idrogeno, sostenere gli investimenti delle filiere industriali nei comparti dove la tecnologia a idrogeno può essere applicata, valorizzare il sistema dell’innovazione e dell’industria regionale e le sue specializzazioni, favorendone la connessione nelle filiere nazionali ed europee”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli