fbpx

Forestali, in Sicilia nuovi ingressi. Non piacciono a tutti

I forestali siciliani non hanno accolto in maniera unanime le nuove possibilità di ingresso in graduatoria

In Sicilia nuovi forestali contrattualizzati possono entrare in graduatoria, ma l’opportunità non piace a tutti i colleghi. Il Dipartimento regionale del lavoro, sotto la direzione di Ettore Foti, ha emesso una nota che offre un’opportunità per i forestali che hanno contratti a tempo determinato prima del 31 dicembre 1990 e a quanti hanno lavorato solo un turno e non hanno mai presentato domanda nei tempi previsti dalla legge, per richiedere l’inserimento nelle graduatorie entro il 15 maggio. Lo ha stabilito la legge regionale del 31 gennaio sul rapporto di lavoro con l’amministrazione siciliana forestale.

I nuovi ingressi di forestali in Sicilia tramite i cpi

L’annuncio era già stato dato dall’assessore alla Famiglia, politiche sociali e lavoro, Nuccia Albano. I centri per l’impiego avranno il compito di aggiornare i punteggi dei forestali che presenteranno domanda, assegnando una priorità in caso di posti vacanti e inserendoli in coda a ciascun contingente fino all’aggiornamento successivo. Per ottenere i punteggi necessari, i lavoratori forestali dovranno presentare una documentazione. In particolare, sarà richiesta una certificazione rilasciata dall’amministrazione forestale per verificare il numero di turni svolti entro il 31 dicembre 2015. Inoltre, sarà necessario fornire un estratto contributivo dall’Inps per controllare gli anni di iscrizione negli elenchi anagrafici dei forestali in Sicilia. Le domande presentate dopo il 15 maggio non saranno prese in considerazione fino all’aggiornamento successivo previsto per il 15 novembre 2024.

Le connessioni tra forestali e voto

La misura regionale non trova consensi unanimi tra i forestali in Sicilia. Se da una parte è comprensibile la necessità di “rimpinguare le forze mancanti su un territorio che ne avrebbe bisogno”, dall’altra serve “soprattutto altro” spiega il forestale palermitano Antonio David. L’operaio ha spiegato inoltre: “Dall’altra parte tanti chiedono stabilità al settore tra gli stessi operai che, dopo più di 30 anni anni, ancora devono combattere con una precarietà che non trova fine”. Antonio David lega il discorso elettorale alle “critiche sul settore” dei forestali e teme per le prossime elezioni europee. “A questo infatti se ne aggiungono altri per un fardello di nuovi voti e alimentare ancor di più le critiche sul settore che da sempre ha penalizzato la categoria dei lavoratori” scrive Antonio David. “Questo è ciò che si evidenzia e si attua sin da subito, con le prossime elezioni ove tutti saranno chiamati a stringere ancor di più “la corda al collo” e restare ancora una volta” ha evidenziato David “vittime dell’unico sistema precario che non riesce e trovare la retta via e una compattezza reale della politica regionale“.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli