fbpx

Fsba e Cigd: 19 mila assegni

Sindacati e enti datoriali soci del fondo bilaterale per gli artigiani comunicano i numeri della cassa integrazione in deroga in Sicilia: sono stati erogati quasi 10 milioni di euro

Gli artigiani siciliani incassano la cassa integrazione erogata da Fsba, il fondo di solidarietà bilaterale dell’artigianato. Sono già stati bonificati nei conti correnti dei dipendenti di imprese artigiane ben 19 mila e 916 assegni per un totale di 9 milioni e 600 mila euro. E per Cgil, Cisl, Uil, Cna Confartigianato, Casartigiani e Claai è un “motivo di orgoglio”. Il fondo nelle scorse settimane era stato al centro di una polemica inerente all’obbligo di iscrizione per tutti gli artigiani, pena la mancata erogazione del bonus. La soluzione trovata ell’ente bilaterale dell’artigianato, che aveva richiesto un contributo speciale alla Regione per consentire le nuove iscrizioni, è stata quindi quella di rateizzare gli arretrati previsti, pari a tre annualità, per una cifra media intorno ai mille euro. Sul tema un artigiano di Modica ha peraltro vinto un ricorso al Tar del Lazio, che ha sospeso l’obbligo di versamento.

Leggi anche – Artigiani e cigd, i sindacati chiedono 30 milioni per pagare gli arretrati Fsba

Triplicate le aziende iscritte all’ente bilaterale

Le somme, comunica l’ente bilaterale, sono state accreditate nei conti correnti indicati in fase di richiesta. In questi mesi di emergenza coronavirus, il numero delle aziende artigiane che hanno fatto domanda è triplicato. “Prima della pandemia erano meno di tremila le aziende che versavano i contributi al fondo, eppure adesso stiamo erogando l’assegno ai lavoratori di più di novemila imprese, che hanno fatto domanda di cassa integrazione. Siamo riusciti – dicono i vertici delle sigle di Fsba – a coprire la cassa integrazione di marzo quasi esclusivamente con le risorse che nel tempo erano state messe da parte con i contributi di legge versati dalle aziende artigiane iscritte alla bilateralità. Adesso con i contributi (anche se rateizzati) delle nuove aziende iscritte e con le risorse stanziate nel nuovo decreto, saremo nelle condizioni di assicurare anche l’assegno dei mesi di aprile e di maggio”.

“Pratiche evase grazie alle risorse umane dei soci”

“Siamo riusciti a portare a termine una operazione enorme avendo a disposizione una struttura potenziata con il contributo di risorse umane messe a disposizione dalle organizzazione sindacali e datoriali. Con una buona organizzazione abbiamo evaso tutte le pratiche, riuscendo così a dare una boccata di ossigeno agli artigiani siciliani che ne hanno fatto richiesta. Viene premiata la tradizionale solidarietà artigiana e la capacità e l’efficienza che abbiamo saputo mettere in campo, recuperando i ritardi determinati da  una presunta  incertezza applicativa delle norme di legge dovuta a pratiche di disinformazione”. È quanto affermano i vertici siciliani delle organizzazioni sindacali e datoriali del settore.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
339FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli