fbpx

Inflazione e tassi alti: rallenta il mercato immobiliare, ma non in Sicilia

Nel IV trimestre 2023 il mercato immobiliare italiano ha visto un calo delle compravendite di quasi il 10%, ma questo non vale per la Sicilia. Nelle Isole infatti c'è stato un aumento dello 0,4%, unica area del Paese con un segno positivo. Il caso di Palermo

Mutui alle stelle, con tassi nominali al 4,5% ed effettivi superiori al 6, hanno portato delle conseguenze sul mercato immobiliare. Ovvero: rallentano le compravendite, soprattutto quelle relative al mercato residenziale. Secondo i dati ufficiali dell’Agenzia delle Entrate, relativi alle compravendite immobiliari del 2023, sono state 709.591 le transazioni immobiliari, in calo del 9,7% rispetto all’anno precedente. A fare eccezione, come sottolinea l’ultimo report relativo al mercato residenziale del quarto trimestre 2023 dell’Agenzia delle Entrate, sono le Isole: rispetto a un anno prima, la crescita è dello 0,4%.

Leggi anche – Mutui e tassi di interesse, c’è attesa per il secondo semestre

Tiene il mercato nelle Isole grazie alle case grandi

Il mercato immobiliare nelle Isole tiene grazie alle compravendite degli alloggi grandi, oltre i 145 metri quadrati, e di quelli piccoli fino a 50 metri quadrati. Una tendenza che, sottolinea ancora l’Agenzia delle Entrate, riguarda soprattutto i capoluoghi di provincia, che tra Sicilia e Sardegna registrano un aumento delle compravendite del 2,6%. Come riportato dalla rete di agenzie di intermediazione immobiliare Tecnocasa, Palermo rappresenta l’esempio migliore di questa tendenza: gli acquisti di immobili oltre i 145 metri quadrati sono state 301, oltre il 17% del totale (1.749 transazioni, quasi il 10% dell’intera area “Isole”) contro una media nazionale del 8,8%, e superiori a quelle per i locali fino a 50 metri quadrati, che hanno rappresentato il 12,9%. Nonostante un numero di compravendite in calo a Palermo – meno 1,6% sul quarto trimestre 2022, ma a fronte di una flessione italiana nelle grandi città del 5,6%, con il record di Roma all’11% -, i prezzi al metro quadro molto convenienti rispetto agli altri grandi centri italiani. Questo consente rendimenti per le locazioni sono molto favorevoli. A Palermo questi, in rapporto al costo dell’immobile, superano di slancio il 6% sia per i bilocali che per i trilocali, le tipologie di immobile più comuni. Una percentuale che arriva al 9% a Trapani, con Catania che supera il 7% per i bilocali.

Aumentano gli acquisti per “investimento”

Gli acquisti delle persone fisiche in Italia nel IV trimestre 2023 hanno riguardato 191 mila unità, di cui quasi il 63% è “prima casa” e solo il 37% circa è stato acquistato avvalendosi di un mutuo ipotecario, registrando così, per la prima volta, una quota di compravendite con mutuo al di sotto del 40%. Questo è una conseguenza dell’aumento delle compravendite effettuate per “investimento”: il 73,5% delle compravendite ha interessato l’abitazione principale e il 19,5% l’investimento. Quest’ultima percentuale è in aumento rispetto a un anno fa, quando era pari al 18,2% Gli acquisti di abitazioni di nuova costruzione rappresentano poco più del 9% del totale, quota ancora in crescita nel 4° trimestre 2023.

Leggi anche – Mutui: tassi troppo alti, l’acquisto della casa è rinviato. In Sicilia 1/5 in meno

Prezzi stabili in tutta Italia

I prezzi delle case sono stabili nella seconda parte del 2023, in particolare nelle grandi città che registrano un +0,1% con alcune realtà in controtendenza: Bari (-2,0%), Genova (-0,6%) e Palermo (-0,4%), Bologna (-0,1%). Milano mette a segno un +0,1%, Roma registra valori stabili. Anche nell’hinterland delle metropoli si segnala una crescita dello 0,1% con quello di Milano che mette a segno l’aumento più significativo (+2,2%) seguito da quello di Verona (+0,9%). L’aumento dei prezzi nei capoluoghi di provincia è in Italia dello 0,1%, con dinamiche diverse tra Nord, Centro e Sud Italia: nella prima realtà si segnala un incremento dei valori dello 0,8%, mentre in centro e sud Italia i valori sono in ribasso rispettivamente dello 0,4% e dello 0,6%. I prezzi delle nuove costruzioni crescono con lo stesso ritmo del semestre precedente: +0,6%. Nell’hinterland delle grandi città l’aumento è dell’1,2%, nei capoluoghi di provincia dello 0,7%. Solo il 6,6% delle compravendite realizzate attraverso le agenzie Tecnocasa ha interessato immobili di classe A e B. Quanto ai tempi di vendita, a gennaio 2024, si attestano intorno a 108 giorni nelle grandi città contro i 104 giorni di un anno fa. La città con tempi più brevi è Bologna (68 giorni), seguita da Milano (72 giorni) ma in entrambe si segnala un peggioramento rispetto a un anno fa. Tempi in leggera diminuzione a Torino, Napoli. Palermo si conferma come la città che ha i tempi di vendita più lunghi: 132 giorni.

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Catanese, mai lasciata la vista dell'Etna dal 1984. Dal 2006 scrivo della cronaca cittadina. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli