fbpx

Infrastrutture al Sud: solo progetti. La loro assenza blocca lo sviluppo

Il Sud ha bisogno di infrastrutture per il suo sviluppo, ma spesso restano solo progetti, scrive Eurispes. Delle opere monitorate attraverso la Piattaforma ReGis "il 75% risulta in ritardo e nel 2023 è stato speso solo il 7,4% dei fondi stanziati"

Emergenza Mezzogiorno o emergenza Sud. Quanti anni sono che si sentono queste parole. Eppure, grazie ai tanti progetti di infrastrutture al Sud, l’emergenza dovrebbe essere temporanea. Verrebbe dunque da chiedersi perché così non è. A dare una risposta ci prova l’istituto di ricerca Eurispes, nel suo 36esimo Rapporto Italia. Progetti e potenzialità ci sono, da sempre, a mancare sarebbe la concretezza. Insomma, spesso, i progetti per le infrastrutture al Sud, fondamentali per la crescita, rimangono solo sulla carta secondo il rapporto Eurispes. “In considerazione di quella che da sempre chiamiamo “emergenza Mezzogiorno”, è fondamentale che si pervenga ad un immediato avvio o completamento di una serie di interventi che da tempo o sono stati avviati o sono ancora in corso di approvazione”, si legge nel rapporto. Rimangono forti dubbi sulla loro realizzazione però. Vanno considerati gli errori fatti dai governi, le risorse economiche che non ci sono e i vincoli del Patto di Stabilità. “Un dazio annuale pesante che inciderà parecchio nel contenimento dei possibili investimenti nel comparto delle infrastrutture”.

Infrastrutture, nodo per il Sud secondo Eurispes

Le infrastrutture rappresentano un nodo fondamentale per il Sud anche in considerazione del fatto che, scrivono da Eurispes, “all’interno delle otto Regioni si produce oltre il 40% della filiera agroalimentare del Paese. Una filiera – specificano – che è strettamente legata alla efficienza delle attività logistiche: esclusa la Regione Campania, sono tutte realtà territoriali servite da assi ferroviari non ad alta velocità e che dispongono solo di un impianto aeroportuale, quello di Lamezia, con capacità adeguata a voli cargo. Nel Mezzogiorno viene creato il 37% del valore della produzione agricola nazionale, vedendo Puglia, Sicilia e la Campania sul podio della produzione meridionale, rispettivamente con valori del 23% (per le prime due) e del 17,2% per la terza”. Più in generale “delle opere monitorate, attraverso la Piattaforma ReGis, il 75% risulta in ritardo e nel 2023 è stato speso solo il 7,4% dei fondi stanziati”.

Le otto regioni del Mezzogiorno in “Obiettivo Uno”

Ciò che manca è dunque il passaggio dalle parole ai fatti o meglio dai progetti alle infrastrutture concrete al Sud, secondo Eurispes. Opere che sarebbero necessarie non solo per ricucire l’ormai famoso gap Sud-Nord, anche per il miglioramento di tutta l’economia italiana. Le otto regioni del Mezzogiorno infatti, dicono ancora dall’Istituto di ricerca, “sono ormai caratterizzate da una sommatoria di elementi comuni o da potenzialità inutilizzate quali: sono tutte 8 in “Obiettivo Uno” cioè hanno tutte un Pil pro capite inferiore al 75% della media europea, sono le Regioni che dispongono del numero maggiore di porti transhipment (Cagliari, Augusta, Gioia Tauro e Taranto)”.

Leggi anche – T.E.R.R.A., arriva il portale di Terna sulle infrastrutture energetiche del Paese

FSC e Pnrr per infrastrutture “mirate” nel Sud

Come dicevamo i progetti ci sono. Hanno un “valore globale di circa 60 miliardi di euro ed il valore delle risorse già autorizzate in Leggi pluriennali di spesa è pari a circa 30 miliardi di euro”. Bene, si potrebbe pensare: spendiamoli. Non sembra così semplice. Secondo gli esperti di Eurispes “ci sono tanti fattori che potrebbero rendere difficile o, addirittura, impossibile il raggiungimento degli obiettivi per il Mezzogiorno“. Il problema è la copertura economica: quella che c’è è spesso mirata alla realizzazione di determinati interventi, ma più spesso non c’è proprio. Per gli interventi mirati il riferimento è ai Fondo di Sviluppo e Coesione o del Pnrr. Tuttavia “molte delle opere in programma sono ancora nella fase progettuale e, quindi, potrebbero non garantire, nel tempo, un utilizzo di tale quadro di disponibilità”.

Leggi anche – Catania, intesa tra Comune e Rfi su infrastrutture e rigenerazione urbana

Individuare una soluzione senza attuarla

Ci sono anche opere, e sono tante che non hanno copertura economica. Opere, scrivono da Eurispes, “per un importo globale di circa 30 miliardi (cioè metà del quadro finanziario disponibile) non hanno copertura e sono solo presenti nei Contratti di Programma di grandi aziende come Anas e Ferrovie dello Stato o in atti programmatici vari, anche regionali, e, quindi ancora privi di un iter autorizzativo completo”. Stando al trend rappresentato dall’Istituto di Ricerca le speranze di vederle realizzate sembrano ridotte al lumicino. Eppure, se volesse, il governo potrebbe “istituire un organismo con il compito di realizzare, entro un arco temporale di 5-6 anni, l’intero Action Plan“. Invece “di fronte a questi insormontabili vincoli rimane solo una fastidiosa rassegnazione di uno Stato che, davanti ad una annosa emergenza, quella di un Mezzogiorno che rimane integralmente in area “Obiettivo Uno”, preferisce solo identificare una possibile soluzione senza tentare però di attuarla“.

- Pubblicità -
Desirée Miranda
Desirée Miranda
Palermitana di nascita ma catanese d’adozione e di fatto. Laurea in Scienze per la comunicazione internazionale (UniCt). Mi piace raccontare la città e la Sicilia ed è anche per questo che ho scelto di fare la giornalista. In quasi 15 anni di attività ho scritto per la carta stampata, il web e la radio occupandomi per lo più di economia e lavoro. Dal 2020 sono alla guida di FocuSicilia continuando a fare il mestiere più bello del mondo

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli