fbpx

Intel a Catania, i sindacati scrivono a Draghi: “Non siamo da meno del nord”

Il colosso dei semiconduttori investirà 4,5 miliardi di euro in Italia. E i segretari territoriali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl scrivono al governo per ribadire le ragioni per cui la scelta di insediare i nuovi stabilimenti sotto l'Etna sarebbe la migliore, per il business e per il territorio

“Catania non è da meno rispetto ad altri siti strutturati, strategici e competitivi presenti principalmente nelle regioni del nord Italia, ma una simile occasione può rappresentare un’enorme opportunità in una terra che ha fame di lavoro, oltre che un riscatto per la Sicilia e per l’intero Sud che invocano una nuova epoca di incremento economico accompagnato dalla crescita industriale.” Lo scrivono i segretari territoriali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, in una lettera indirizzata al premier Mario Draghi e, per conoscenza, al ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, al ministro dell’Innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao, al presidente della Regione siciliana Nello Musumeci ed al sindaco facente funzioni di Catania Roberto Bonaccorsi, sulla possibilità che Intel scelga la Zona industriale catanese per l’insediamento del nuovo sito previsto per l’Italia.

Leggi anche – Microelettronica, Catania è “realtà valida e agguerrita, anche per Intel”

Un impatto occupazionale da 3 mia profili

“Da diversi mesi ricorre la notizia che il colosso americano della microelettronica dovrà investire 80 miliardi di euro in Europa, grazie anche al sostegno fornito dal piano “Chips act” – dicono Carmelo De Caudo, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci. Per l’Italia è previsto un investimento pari a 4,5 miliardi di euro per la costruzione di un impianto di packaging che prevede un impatto occupazionale di 1.000 profili e 3.000 lavoratori nell’indotto. Tra le ipotesi di scelta per la realizzazione della fabbrica c’è anche Catania e le nostre organizzazioni sindacali si sono sin da subito attivate per supportare questo progetto che, senza dubbio, rappresenta un’occasione di straordinaria rilevanza perchè, come realtà, possiamo offrire un luogo strategico come la Zona industriale ed una manodopera altamente preparata e qualificata in rapporto ad un costo del lavoro assolutamente concorrenziale rispetto ad altre aree in Italia”, aggiungono i quattro segretari.

La presenza di StMicroelectronics

La presenza, da decenni, della STMicroelectronics, azienda che già collabora a livello mondiale con Intel, con tutto il suo indotto, “può favorire la decisione finale di quest’ultima nel mettere radici a Catania, laddove l’Amministrazione regionale e l’ente comunale si sono prodigati per rendere immediatamente disponibili i terreni accanto STM. Ci affidiamo quindi all’autorevole intervento del presidente Draghi – concludono De Caudo, Attanasio, Meli e Musumeci – perchè, attraverso i Ministeri competenti, possa creare i presupposti affinchè Intel dica si al nostro territorio che, siamo certi, saprà ripagare con professionalità e spirito di servizio questa nuova fase di speranza per la ripartenza”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
329FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli