fbpx

Ismett ha raggiunto i tremila trapianti

Il centro ha raggiunto il traguardo dei 3 mila trapianti in 25 anni di attività a Palermo. Ismett è nato dalla partnership internazionale fra Regione Siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center)

Il centro Ismett ha raggiunto il traguardo dei tre mila trapianti in 25 anni di attività a Palermo. Un risultato, reso possibile grazie ai donatori e alle loro famiglie, lo staff medico del centro, che è stato comunicato ufficialmente durante una conferenza a cui ha partecipato anche il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani. Il centro Ismett è nato a Palermo con la compartecipazione della Regione siciliana, partner della collaborazione internazionale stretta con la University of Pittsburgh Medical Center.

Il 10 per cento dei pazienti arriva da fuori Sicilia

Dal luglio 1999, anno del primo trapianto presso Ismett , sono stati eseguiti 2400 trapianti da donatore cadavere e 600 trapianti da donatore vivente. Di questi i trapianti pediatrici sono stati 342. Con il 10 per cento dei pazienti provenienti da altre regioni italiane per eseguire un trapianto e il 5 per cento proveniente da altre nazioni, Ismett continua a consolidarsi come riferimento nazionale ed internazionale per i trapianti. “Oggi celebriamo un traguardo significativo: abbiamo raggiunto e superato la cifra di 3.000 trapianti eseguiti presso ISMETT – ha evidenziato Angelo Luca, direttore di Ismett – Questo successo è il frutto della collaborazione con la Regione siciliana e dell’impegno costante e della professionalità di tutto il nostro staff, costantemente impegnato nel fornire cure di alta qualità ai nostri pazienti. In meno di 25 anni, abbiamo portato a termine una vasta gamma di trapianti sia adulti sia pediatrici, introducendo programmi e tecniche innovative per dare risposte ai tanti pazienti in lista di attesa e ampliare le possibilità di trattamento per i nostri pazienti”.

Ismett ha eseguito l’84% di trapianti doppi

Il programma di trapianto di polmone di Ismett è stato riconosciuto dal Centro Nazionale Trapianti come quello con la migliore curva di sopravvivenza in Italia per la sua eccellenza e per la gestione dei casi più complessi. Come i trapianti doppi (84 per cento), i trapianti in emergenza (14 per cento) e i trapianti combinati (2 polmone-fegato). Per ridurre i tempi di attesa e la mortalità in lista di attesa di pazienti adulti e pediatrici, in questi anni Ismett ha avviato iniziative cliniche di avanguardia. Tra questi l’avvio del programma di trapianto da vivente sia di fegato che di rene, l’utilizzo di tecniche di ricondizionamento, l’utilizzo di donatori a cuore non battente o l’utilizzo della tecnica dello split liver. Nel dettaglio, sono stati eseguiti con successo 1.628 trapianti di fegato854 di rene222 di polmone, 234 di cuore5 di pancreas e 57 trapianti combinati

Il governatore Schifani: “Garantito diritto alla salute”

“Il governo della Regione è impegnato con costanza e determinazione a garantire il diritto della salute e l’appropriatezza e la tempestività delle cure nei confronti dei propri cittadini – ha spiegato il Presidente Renato Schifani – La donazione degli organi, con tutti gli aspetti connessi, rappresenta una priorità”. Il presidente Renato Schifani ha evidenziato alcuni numeri che riguardano Ismett. “Il confronto dell’attività di procurement tra il 2022 e 2023 – ha detto il governatore – registra un aumento delle segnalazioni di potenziali donatori del 20 per cento, con un aumento dei donatori procurati ed effettivi del 25 per cento ed un aumento dei trapianti del 25 per cento, con riduzione delle liste d’attesa regionali e dei tempi di attesa del trapianto”. La Regione siciliana non smetterà di fare la sua parte a favore dell’Ismett di Palermo. “La nostra regione può vantare in Ismett un centro trapianti multiorgano di riferimento internazionale come dimostrano i risultati dei vari programmi di trapianto. Per questa ragione continuerò a stimolare gli organi preposti – ha dichiarato il presidente Schifani – a livello regionale e le direzioni aziendali per consolidare un’azione organica di rilancio e rafforzamento del servizio sanitario regionale nell’esclusivo interesse della comunità siciliana”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli