fbpx

Imprese, in Sicilia nel 2022 le cessazioni aumentano del 26%

Le cessazioni di attività, scrive l'associazione, sono cresciute più del 2021, un "segnale di resa per migliaia di pmi siciliane". A pesare sono soprattutto "la variabile guerra e il caro energia", e per ripartire serve "un nuovo Recovery Fund, che aiuti economicamente i paesi Ue"

Fine anno, è tempo di bilanci: così Assoesercenti Sicilia – Unimpresa ha analizzato i dati di Infocamere, relativi alla natalità e mortalità delle imprese siciliane per il 2022, anno in cui, tra l’altro è stato registrato un maxi aumento dell’energia elettrica che ha colpito duramente le imprese, peggiorando uno status che già non brillava.

Iscrizioni e cessazioni

Lo studio di Assoesercenti Sicilia ha evidenziato che, rispetto al 2021, nel 2022 si è registrato un meno 10,4 per cento di iscrizioni (20.531 nel 2022 e 22.915 nel 2021) e un più 26,28 per cento di cessazioni (19.291 nel 2022 e 15.276 nel 2021). Il più alto tasso di negatività in termini di iscrizioni rispetto al 2021 viene registrato dal settore del Commercio con un meno 15 per cento, seguito dall’Industria con un meno 13,44 per cento e dall’Edilizia con un meno 12,1 per cento. Il dato positivo emerge sul comparto del Turismo con un più 11,48 per cento, rispetto al 2021, e delle Agenzie di viaggio con un più 36 per cento. Per le cessazioni, rispetto all’anno passato, il Turismo si colloca al primo posto con un più 36,91 per cento, seguito dal Commercio con un più 31,5 per cento e dall’Industria con un più 30,83 per cento.

I numeri delle province

Per quanto riguarda le iscrizioni nel settore del commercio sulle province siciliane, Ragusa detiene il più alto tasso di negatività rispetto al 2021 con un meno 27,11 per cento, seguita da Caltanissetta con un meno 23,16 per cento e Trapani con un meno 20,46. Per le cessazioni, Enna si colloca al primo posto, con un più 104,44 per cento rispetto al 2021, seguita da Caltanissetta con un più 64,68 e Trapani con un più 51,92 per cento. Nel settore turismo, Palermo segna un incremento delle iscrizioni del 37,84 per cento rispetto al 2021, seguita da Siracusa con un più 22,58 per cento e Trapani con un più 8,11 per cento. Per le cessazioni, Caltanissetta segna un più 71,43 per cento rispetto al 2021, seguita da Catania con più 53,95 per cento e Palermo con più 48,82 per cento. Catania nel 2022 registra un meno 9,49 per cento di iscrizioni rispetto al 2021 e un più 22 per cento di cessazioni rispetto al 2021.

Aziende e dipendenti in Sicilia

In Sicilia, secondo i dati Excelsior – Unioncamere – Anpal, elaborati dal Centro Studi di Assoesercenti Sicilia – Unimpresa, vi sono 90.330 aziende con dipendenti e un numero di dipendenti pari a 518.570 unità e soltanto il 10 per cento delle imprese siciliane prevede entrate di personale. A dicembre 2022 sono state previste 17.750 unità di personale in entrata con una percentuale del 41 per cento di difficile reperimento. Da dicembre 2022 a febbraio 2023 sono previste 61.750 unità di personale in entrata, con un calo di 6.250 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I settori che prevedono entrate di personale sono cosi ripartiti: il 25 per cento nel commercio, il 17,1 per cento nelle costruzioni, il 13,4 per cento nel turismo e nella ristorazione, l’11,4 per cento nei servizi alle persone, il 6,6 per cento nei trasporti e nella logistica, il 12,1 per cento nei servizi vari e il 2,5 per cento in altre industrie.

Resa di migliaia di pmi siciliane

“Lo studio di Assoesercenti Sicilia”, afferma il Presidente Salvo Politino, “evidenzia come il tasso di natalità delle imprese nel 2022, rispetto al 2021, sia sceso notevolmente e, di conseguenza, sia cresciuto il tasso di mortalità. Nonostante ciò, in Sicilia resta, con oltre 20.000 nuove iscrizioni, la voglia di fare impresa. Chiaramente la situazione, rispetto al 2021, è cambiata soprattutto a causa della variabile guerra e del caro energia. Il notevole incremento del tasso di cessazione delle imprese rispetto al 2021, anno in cui mordeva forte la pandemia, è il segnale di resa per migliaia di piccole e medie imprese siciliane. D’altro canto, le imprese che sono riuscite a resistere sono allo stremo, perché i margini di profittabilità aziendale sono davvero scesi al lumicino, portando meno investimenti e meno crescita dell’impiego, oltre a una occupazione più fragile e precaria. Per questo chiediamo al governo nazionale misure incisive, sia sul fronte del contenimento dei costi energetici che sul fronte del taglio al cuneo fiscale, per ridare fiato alle retribuzioni dei lavoratori, di fronte a una inflazione al galoppo causata dall’aumento delle materie prime”.

Nuovo intervento europeo

“Abbiamo bisogno di un nuovo Recovery Fund”, prosegue Politino, “che aiuti economicamente i paesi europei, soprattutto quelli che risentono maggiormente di questa situazione. Il rifinanziamento del Fondo Centrale di Garanzia è sicuramente importante, ma non è pensabile e accettabile che le aziende messe in ginocchio dalla pandemia, dopo aver chiesto alle banche e al Medio Credito Centrale l’allungamento della durata della garanzia statale, oggi non possono più accedere alla garanzia dello Stato. Se l’Ue non troverà un accordo su queste misure, urgenti e fondamentali, che servono per aiutare gli stati membri, c’è il rischio che pian piano l’Europa si sgretoli, e questo va assolutamente evitato. Al governo regionale chiediamo subito la pubblicazione dei bandi regionali, tramite l’Irfis, che prevedano, per le aziende danneggiate dal caro energia, una parte di finanziamento a tasso zero con 24 mesi di pre ammortamento e una parte di contributo a fondo perduto.

Contributi a fondo perduto

“Chiediamo inoltre l’esclusione della valutazione del Merito Creditizio per la Moratoria Crisi Energetica”, aggiunge il presidente Assoesercenti, “e la concessione della moratoria a tutte quelle aziende che dimostrino, con idonea documentazione amministrativo/contabile, l’impatto negativo sulla propria struttura dovuto dall’aumento dei prezzi delle materie prime e/o del costo dell’energia. In prospettiva futura il governo regionale deve prevedere appositi bandi con contributi a fondo perduto per l’istituzione dei distretti urbani del commercio, modelli organizzativi che in altre parti d’Italia hanno dato risultati importanti per lo sviluppo economico del territorio. Chiediamo infine”, conclude Politino, “una proroga del termine per effettuare le azioni legate alla seconda fase del Piano regionale Garanzia Giovani”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli