fbpx

Confesercenti Sicilia contro la liberalizzazione dei negozi di ottica

La liberalizzazione dell'apertura dei negozi di ottica ha destato la perplessità di Confesercenti regionale. Rischiano, spiega l'associazione, sia i clienti che i professionisti del settore. Chiesto l'intervento dell'assessorato alle Attività Produttive

La liberalizzazione dell’apertura dei negozi di ottica ha suscitato la reazione di Confesercenti Sicilia. L’abrogazione dell’art. 1 della legge 12/2004, proposta dal deputato Tiziano Spada e approvata in finanziaria regionale, non piace a Confesercenti regionale. “La liberalizzazione di nuove aperture di esercizi commerciali di ottica, che viene resa possibile grazie ad un emendamento all’interno della finanziaria regionale, desta molte perplessità”. Lo ha dichiarato il presidente di Confesercenti Sicilia Vittorio Messina. “Sia per quanto riguarda le garanzie a favore della clientela che per permettere la salvaguardia di standard di elevata professionalità all’ interno dei punti vendita”, ha aggiunto il presidente regionale dopo aver raccolto le vibrate proteste della categoria interessata.

Occhiali anche in negozi “non consoni”

“La legge del 2004, il cui spirito verrebbe così vanificato – ha aggiunto Vittorio Messina –  rappresenta comunque un punto di equilibrio che tutela la categoria sia dalla concorrenza dell’e-commerce che dal proliferare di fenomeni di abusivismo. Quest’ultimo consente di trovare gli occhiali anche in negozi non consoni alla trattazione del prodotto”. “Colpisce non poco, che all’improvviso sia stata fatta una scelta così delicata senza consultare le rappresentanze di categoria”.

Luigi Marchi: “Scelta la barbarie professionale”

“Prima di prendere una tale decisione – aggiunge Luigi Marchi, imprenditore del settore nonché coordinatore ottici di Confesercenti Sicilia – serviva andare verso la figura dell’ottico optometrista con dei corsi regionali. Invece, si è scelta la barbarie professionale. Auspichiamo – concludono i rappresentanti di Confesercenti – che l’assessore alle Attività Produttive possa intervenire al fine di trovare la giusta soluzione. In modo da non colpire le attività che sono quasi sempre a gestione familiare, e che negli ultimi anni hanno dovuto affrontare tanti sacrifici e sostenere notevoli investimenti. Mentre di contro si potrebbero creare le condizioni per favorire i grandi gruppi commerciali”. Sulla questione solo Cna Siracusa si è espressa positivamente sull’abrogazione dell’articolo che liberalizza l’apertura dei negozi di ottica in Sicilia.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli