fbpx

In Sicilia in cinque anni 400 morti sul lavoro. Nell’edilizia il 10% delle vittime

Secondo l’Inail, tra il 2019 e il 2023 in Sicilia sono stati 406 i morti sul lavoro, uno ogni 4 giorni. Il 10% delle morti bianche è stata nei cantieri edili. "Une ecatombe" secondo Filippo Virzì, già componente del Comitato Consultivo Provinciale INAIL di Palermo

In Sicilia un’ecatombe con le morti sul lavoro, 400 morti in 5 anni alto il numero di incidenti, nei cantieri edili il 10% delle vittime. Nell’isola  una vera e propria scia di sangue, sicurezza quasi inesistente”. Lo rende noto Filippo Virzì, già componente del Comitato Consultivo Provinciale INAIL di Palermo.

Tra il 2019 e il 2023 un morto ogni 4 giorni

“Secondo l’Inail, tra il 2019 e il 2023 nell’isola sono stati 406 i morti sul lavoro, uno ogni 4 giorni, è un dato irricevibile segno che ancora la sicurezza è solo un optional costoso, che pone la Sicilia all’ottavo posto in Italia – spiega Virzì – moltissimi di questi lavoratori che perdono la vita ogni giorno muoiono nei cantieri edili. Le maestranze che esercitano l’attività edile nell’isola sono spesso lavoratori in nero, non dispongono del contratto collettivo nazionale corrispondente e non sono tenute a frequentare i corsi di formazione obbligatori previsti per gli edili”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli