fbpx

Tante imprese, pochi lavoratori. Pasqua senza 1000 pasticcieri in Sicilia

Mancano all’appello esattamente 1.160 tra pasticcieri, gelatai, conservieri artigianali, panettieri e pastai artigianali. Un problema ormai vecchio e rimasto senza soluzione, come spiega Confartigianato Sicilia Daniele La Porta

In Sicilia mancano oltre mille pasticcieri, gelatai e panettieri. Una problema evidenziato da Confartigianato Sicilia nei giorni di Pasqua, quando proprio i consumi dei prodotti della tradizione e in particolare quelli del comparto dolciario, sono maggiori. Il deficit emerge, numeri alla mano, dallo studio dell’Osservatorio economico di Confartigianato Sicilia: nell’Isola mancano all’appello esattamente 1.160 tra pasticcieri, gelatai, conservieri artigianali, panettieri e pastai artigianali (dato Excelsior Unioncamere). La Pasqua non è a rischio, la produzione ci sarà, ma colomba e coddura saranno anche particolarmente “salate” per i siciliani. In prezzi sono ovunque in aumento.

Ad Enna il maggior numero di pasticcerie

In Sicilia le attività artigiane che realizzano prodotti pasquali sono 7.319 divise tra pasticcerie e imprese del settore dolciario. Il comparto include pasticceria fresca, gelati, biscotti, cacao, cioccolato, confetteria e ha un’alta vocazione artigianale. Queste attività rappresentano il 75,3% di tutte le imprese artigiane in Sicilia. Enna è la provincia “regina”, sul territorio ne conta l’83,3% di tutta la Regione, seguita da Agrigento (81,6%), Trapani (77,8%) e Siracusa (77,1%). Sulla tavola di Pasqua ci saranno 279 prodotti siciliani, che quest’anno però costeranno di più.

Salgono i prezzi, pasticceria fresca resta conveniente

Secondo le indicazioni di Confartigianato Sicilia c’è un rallentamento della dinamica dei prezzi della pasticceria. Per lo zucchero nel 2023 è stato registrato comunque un aumento del 28,4% su base annua, mentre il costo del cacao sui mercati internazionali a febbraio 2024 è più che raddoppiato (+107,9%) rispetto all’anno scorso. Negli ultimi tre anni, scrive Confartigianato , i prezzi della pasticceria fresca in Sicilia sono cresciuti del 10,9%, ma pur sempre meno della metà dei prezzi dei prodotti alimentari (+21,2%) e dei prezzi della pasticceria confezionata (+23,6%).

Anche nella pasticceria manca personale qualificato

Anche le pasticcerie e le gelaterie sono in cerca di personale qualificato in Sicilia. Un problema ormai vecchio e rimasto senza soluzione, come spiega il presidente di Confartigianato Sicilia Daniele La Porta. “La difficoltà di reperimento è un problema che registriamo da anni in quasi la totalità dei comparti artigiani. Le micro e piccole imprese affrontano grandi disagi nel reclutare personale qualificato“. Per La Porta il dato sull’assenza dei lavoratori è particolarmente preoccupante e servono soluzioni. “Il dato che ci consegna il nostro Osservatorio non può non allarmarci ed è bene correre ai ripari, investendo di più nell’istruzione, nella formazione professionale e nell’apprendistato“.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli