fbpx

Pnrr, 20 milioni per la progettazione. Cgil e Fillea: “Non perdere l’opportunità”

Quattordici milioni di euro andranno ai comuni, tre milioni alle province e altrettanti alle città metropolitane. Secondo i sindacati "può consentire il superamento delle fragilità degli enti locali al riguardo della progettazione"

E’ stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto che assegna i contributi agli enti locali per la progettazione territoriale. Alla Sicilia andranno oltre 20 milioni di euro così ripartiti: 14.002.081,46 ai comuni, 3 milioni alle province, 3 milioni alle città metropolitane. 

“Possibili passi avanti anche sui beni confiscati”

“E’ una misura positiva – commentano Ignazio Giudice – segretario regionale Cgil e Giovanni Pistorio, segretario generale della Fillea Cgil Sicilia – perché può consentire il superamento delle fragilità degli enti locali al riguardo della progettazione. Potranno usufruirne anche i comuni delle aree interne – sottolineano – singolarmente o in forma associata che potranno mettere a bando risorse per l’acquisizione di progetti da parte di professionisti e consulenti per accedere ai bandi del Pnrr, dei Fondi strutturali e del Fondo Sviluppo e Coesione. Si potranno fare passi avanti- rilevano Giudice e Pistorio- anche in tema di valorizzazione dei beni confiscati alla mafia”.

I Comuni possono usare i fondi anche per incarichi di progettazione

I progetti riguarderanno l’ambito urbanistico e dell’innovazione sociale. ll Fondo, per un totale di quasi 162 milioni di euro, è ripartito tra 7 Città metropolitane, 38 Province e circa 4.800 Comuni fino a 30.000 abitanti delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e Umbria, o ricompresi nella mappatura delle aree interne. In particolare, le Città metropolitane riceveranno ciascuna un milione di euro, mentre alle singole Province sono riservati 500 mila euro. I Comuni fino a 5 mila abitanti possono utilizzare, in tutto o in parte, il contributo anche per affidare incarichi per la redazione di progetti di fattibilità tecnica economica. I bandi devono essere pubblicati e gli affidamenti disposti per l’intera somma assegnata entro sei mesi dall’entrata in vigore del DPCM, pena la revoca del contributo. “Gli enti locali – dicono Giudice e Pistorio – si diano dunque da fare per sfruttare questa opportunità che può consentire il superamento dell’impasse legato alla progettazione”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli