fbpx

Pnrr, ‘Sicilia penultima sui finanziamenti pro-capite tra le regioni Sud’. I dati Cgil

Sui finanziamenti pro-capite del Pnrr la Sicilia è penultima tra le otto Regioni del Mezzogiorno. I numeri di Cgil e le richieste di chiarimenti al governo regionale e nazionale

Sulla spesa pro-capite degli investimenti del Pnrr la Sicilia è la “cenerentola” d’Italia, classificandosi appena penultima (dati 2023 di Bankitalia) tra le otto regioni meridionali: sono i numeri diffusi da Cgil Sicilia, che cita l’audizione del docente universitario Gianfranco Viesti alla Commissione bilancio della Camera dei deputati. Male gli investimenti in istruzione con 257 euro pro-capite di stanziamenti (623 euro al Molise, 439 a Calabria e Abruzzo, per fare due esempi). Bassi anche quelli per la rete ferroviaria, 592 euro (terzultima regione) e per le politiche di coesione territoriale, 72 euro come per Calabria e Puglia (fanalino di coda, in questo caso, la Sardegna). Anche per il turismo, con 55 euro pro capite, la Sicilia si colloca penultima tra le regioni del sud. Solo 78 euro a testa (penultima regione) vengono inoltre stanziati per le infrastrutture digitali (317 per la Calabria, 195 per la Basilicata).

Finanziamenti Pnrr, Sicilia penultima

“È la conferma”, dicono il segretario generale del sindacato, Alfio Mannino e il segretario confederale regionale Francesco Lucchesi, “della scarsa attenzione del governo Meloni alla Sicilia con il beneplacet del governo Schifani”. I due esponenti della Cgil rilevano che “non ci sono spiegazioni plausibili per le scelte del governo, considerando che incidono su settori dove nell’isola si scontano pesanti criticità. La situazione della rete ferroviaria è nota, con persistere di binario unico per lunghe tratte e mancanza di alta velocità. Altrettanto quella dell’istruzione, con strutture insufficienti, basse percentuali di tempo pieno e alte di abbandoni. Per non parlare del welfare o delle strutture sanitarie che vedono anch’esse investimenti pro capite inferiori a quasi tutte le regioni meridionali”.

Le richieste del sindacato alle Istituzioni

Mannino e Lucchesi ricordano “le pesanti sforbiciate in fase di riprogrammazione dei fondi europei sulle linee ferroviarie Palermo-Catania e Catania-Messina, pur in presenta di progettazione esecutiva”. “Come rilevammo al momento dei tagli”, sottolineano Mannino e Lucchesi, “l’operato del governo nazionale è inaccettabile. Ma lo è altrettanto quello del governo regionale che non ha messo in campo nessuna iniziativa di contrasto a tagli ingiustificabili, per il superamento delle criticità insite ai bandi e nella progettazione dei comuni, aderendo a tal punto alle politiche nazionali da dire pure sì al progetto sull’autonomia differenziata”.

“Rispettare il vincolo del 40% al Sud”

Per la Cgil “un’occasione così importante per il riequilibrio territoriale rischia così di andare perduta. Ci piacerebbe pure sapere”, aggiungono Mannino e Lucchesi, “se il vincolo del 40% di destinazione alle regioni del Mezzogiorno delle risorse allocabili è stato rispettato. La sensazione è che da Roma si punti decisamente a sganciare il Mezzogiorno“, concludono. In questo disegno la Sicilia, visto anche la mancanza di interesse per le sue sorti da parte del governo regionale, rischia di andare alla deriva”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli