fbpx

Il polo industriale di Siracusa potrebbe puntare all’eolico offshore

Opportunità, secondo i segretari generali della Fiom Sicilia e di Siracusa, Francesco Foti e Antonio Recano, potrebbero essere sfruttate per la riqualificazione e lo sviluppo di progetti in linea con il decreto. In particolare per partecipare alla costruzione di torri eoliche

Con il decreto Energia convertito in legge lo scorso 7 febbraio, si potrebbero aprire nuove prospettive di sviluppo per l’area industriale di Siracusa. In particolare per le aree di Punta Cugno e Mellilli, attualmente sottoutilizzate, spiega Fiom Sicilia. Opportunità, secondo i segretari generali della Fiom Sicilia e di Siracusa, Francesco Foti e Antonio Recano, potrebbero essere sfruttate per la riqualificazione e lo sviluppo di progetti in linea con il decreto. Per partecipare alla costruzione delle torri eoliche destinate al progetto Renexia, per un impianto eolico offshore nel canale di Sicilia. Nella nota, i segretari Fiom siciliani sottolineano la necessità di politiche industriali chiare e la richiesta di un confronto con il governo e la politica per definire strategie e interventi pubblici che attraggano investimenti. Foti e Recano notano che finora politica e imprese regionali hanno osservato passivamente.

Fiom Sicilia e Siracusa: “Opportunità dalla transizione”

I segretari Fiom hanno sottolineato la necessità di cogliere le possibilità offerte dalla transizione e di promuovere un modello industriale diversificato, moderno e competitivo. “Si tratta – hanno dichiarato – di intercettare le opportunità della transizione ecologica e di affermare un diverso modello industriale, in chiave green“. Il decreto nazionale prevede “la creazione di un polo strategico nazionale nel settore della progettazione, della produzione e dell’assemblaggio di piattaforme galleggianti e delle infrastrutture elettriche funzionali allo sviluppo della cantieristica navale per la produzione di energia eolica in mare“. Prevedendo per il progetto due porti, quello di Taranto e quello di Augusta che hanno a disposizione gli spazi, le infrastrutture necessarie e le competenze nel campo della movimentazione di pale eoliche e nel caso del porto di Augusta anche nell’offshore. L’autorità Portuale della Sicilia Orientale era già intervenuta ipotizzando un proprio intervento.

Nel siracusano imprese, lavoratori e fondali adeguati

Una piattaforma eolica offshore ad Augusta potrebbe nascere sull’impronta dell’iniziativa che negli anni Ottanta portò all’esperienza della Italoffshore. “Nel perimetro prospicente la rada di Augusta – hanno ricordato Foti e Racano – è stata realizzata una grande intuizione con la nascita da un progetto congiunto di un polo metalmeccanico candidato alla costruzione di piattaforme petrolifere offshore. In particolare nelle aree di Punta Cugno e Marina di Melilli. Lo sforzo economico della regione, che finanziò con 60 miliardi di lire l’acquisto delle attrezzature, favori la nascita del consorzio Italoffshore”. Per oltre dieci anni Italoffshore diede lavoro ad oltre 2000 lavoratori metalmeccanici. Un progetto che però è finito “miseramente nell’indifferenza della politica e stritolata dall’inadeguatezza degli imprenditori locali”. Nella zona industriale di Siracusa restano le caratteristiche per puntare all’eolico offshore. “Imprese qualificate e maestranze specializzate, fondali marini adeguati, rappresentino ancora oggi un insieme di condizioni e caratteristiche difficilmente riscontrabili in Italia, che se valorizzate, potrebbero intercettare importanti progetti e traghettare il nostro territorio verso un nuovo modello industriale” hanno concluso i segretari generali della Fiom Sicilia e di Siracusa, Francesco Foti e Antonio Recano.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli