fbpx

Protesta dei trattori, il manifesto siciliano: “Politica non cavalchi l’onda”

Si sono riuniti spontaneamente la prima volta il 17 gennaio. Da allora la protesta dei trattori è diventata sempre più grande. Ma secondo un gruppo di agricoltori devono restare fuori sia la politica che le associazioni di categoria. Le richieste, come quella per risolvere l'emergenza foraggio, in un manifesto-petizione

La protesta dei trattori ha ora anche un manifesto, si chiama “La Sicilia alza la voce“. E gli agricoltori non vogliono “che politici e associazioni di categoria tentino di cavalcare questa onda“. Il gruppo eterogeneo di agricoltori siciliani promotori ha esposto le motivazioni della protesta in corso ormai un mese in Sicilia e nell’intera Europa in un incontro online il 13 febbraio. Sono parte delle associazioni Simenza- Cumpagnìa Siciliana Sementi Contadine, Coordinamento Agroecologia Sicilia e Unione Allevatori Sicilia.

Chiesti interventi urgenti per il foraggio e la liquidità

Il manifesto è diventato anche una petizione online che dallo scorso 5 febbraio ha raccolto oltre 1.200 sottoscrizioni. All’interno le richieste sono le più variegate. I primi sono quelli ambientali come la siccità, che a sua volta porta a una grave carenza di foraggio, per il quale chiedono interventi immediati della Protezione civile. Il documento contiene anche richieste prettamente fiscali come l’abolizione di Irpef e Imu. Ma secondo gli agricoltori urgono anche interventi in materia di liquidità, come “lo sblocco di fondi Agea” (Agenzia europea per l’erogazione dei fondi per l’agricoltura), e “risolvere le compensazioni dei crediti in modo automatico”, così da consentire alle aziende di avere i documenti di regolarità contributiva (Durc).

Il trattore cambia simbologia: da modernità a protesta

“Se il trattore un secolo fa è quello che ha distrutto il senso della terra, oggi viene utilizzato per protestare contro questa agricoltura. E’ il karma, tutto torna“, spiega Giuseppe Li Rosi, agricoltore che del recupero dell’agricoltura di un tempo ha fatto una bandiera anche attraverso Simenza, che raccoglie in Sicilia una settantina di produttori. Esperto in grani antichi, è portavoce del gruppo insieme all’avvocato Mariangela Cirrincione. “La narrazione di questa protesta, infiltrata e dominata da altri, deve tornare agli agricoltori. Da qui il senso di questo incontro”, spiega. E nel manifesto è chiara una sfiducia nel sistema di gestione agricolo europeo, nonostante molte delle aziende presenti vadano nella direzione del biologico e del basso impatto ambientale. L’Unione, a detta di Cirrincione, lo fa nel modo sbagliato. “Ad esempio – ha spiegato – le rinnovabili portano a una predazione del suolo agricolo. In teoria per ottime ragioni, in pratica arricchendo le multinazionali. Non solo per l’eolico che è ovunque, ma si diffonde senza criterio anche l’agrivoltaico. Se continua così non ci sarà più produzione locale e il costo della pasta e degli alimenti principali sarà un lusso”.

Leggi anche – I trattori hanno vinto: Von der Leyen ritirerà le nuove norme sui pesticidi

La critica alla politica agricola dell’Unione europea

Secondo Cirrincione molti dei problemi lamentati dagli agricoltori “nascono dalla politica agricola europea”. Ma proporre tra i temi “l’uscita dall’Unione è improponibile come idea, e non sarebbe capita”. Un concetto che approfondisce Guido Bissanti del Coordinamento Agroecologia: “Il sistema mondo non funziona come l’Unione europea, al di fuori c’è la massima condivisione e commistione. La protesta è solo la punta di un iceberg di un modello al capolinea“. Secondo Bissanti “questa protesta dei trattori nasce da un malumore, un incontro spirituale che ci dice che in questa direzione non posso camminare più. non vogliamo però fare rivoluzione, ma progettualità. Il nostro gruppo serve a dare un vestito, una rivoluzione delle idee. Nel documento ci sono aspetti di immediatezza. Ma non possiamo mancare di visione”.

Da gennaio oltre 20 presidi. Il 15 febbraio a Roma

Per arrivare ai risultati, serve però “non perdere la spinta propulsiva e spontanea“, come ha spiegato Li Rosi. In Sicilia il primo presidio della protesta dei “trattori” è stato organizzato a Bolognetta il 17 gennaio. “Eravamo con quasi 800 agricoltori all’interno di un hotel. Un caos totale, ma era la germogliazione di un seme. Dal 17 gennaio fino a oggi ci sono stati una ventina di presidi in quasi tutta la Sicilia, tranne che nel catanese“. Il problema resta però non locale, ma nazionale ed europeo. E secondo il gruppo “La Sicilia alza la testa”, il tentaivo più macroscopico di orientare da una parte politica le proteste è stato fatto in occasione della manifestazione in programma per il 15 febbraio a Roma. “Di fatto sono due manifestazioni, organizzati da due coordinamenti con lo stessa sigla, Cra, una la mattina al Campidoglio e una il pomeriggio al Circo Massimo”. Secondo Li Rosi si tratta di un chiaro tentativo di far vedere gli agricoltori spaccati. Ma la speranza è quella di far rientrare i due eventi su un unico grande movimento. “Abbiamo avuto un incontro con referenti dei due presidi, chiedendo di utilizzare un documento unico e a far sì che quelli del Circo Massimo vadano al Campidoglio per far vedere che tutti gli agricoltori nei due presidi saranno presenti nell’uno e nell’altro”, conclude.

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Catanese, mai lasciata la vista dell'Etna dal 1984. Dal 2006 scrivo della cronaca cittadina. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli