fbpx

Province, voto “tra 15 ottobre e 30 novembre”. Costi extra da 16 milioni

Da settembre l'Ars potrà varare la nuova legge. Previsti cinque milioni di euro per le elezioni e 11 milioni di euro ogni anno per i 316 politici. Data del voto scritta nel disegno di legge: "tra il 15 ottobre e il 30 novembre". Più probabile che si arrivi ad aprile 2024

Nuove Province: quando si vota? Sulla carta la previsione è di andare al voto “tra il 15 ottobre e il 30 novembre“, secondo il disegno di legge (n. 319-97) che è stato approvato il due luglio dalla commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. L’ipotesi, però, è appunto solo teorica. Il testo deve ancora passare dalla commissione Bilancio per poi approdare in Aula. Qui potrà essere modificato e poi andrà al voto finale da parte di tutti i deputati. Passaggi che avverranno dopo la pausa estiva, quindi non prima di metà settembre. Ammesso, però, che si faccia tutto velocemente, la nuova legge siciliana dovrà camminare in accordo con la nuova legge nazionale che disciplinerà le Province in Italia e che è in discussione in Senato. Questo per evitare che la legge siciliana possa essere impugnata. Occorreranno quindi sintonie politiche, tra Palermo e Roma. Ecco perché è molto più probabile che i cittadini vengano chiamati al voto non nel 2023, ma in una finestra temporale tra il 15 aprile e il 30 giugno 2024. Si sa inoltre già da adesso che serviranno 16 milioni di euro subito, già per il primo anno di attività dei nuovi enti, tra operazioni elettorali e compensi per i politici.

Leggi anche – Province, il ritorno delle ex: ma la nuova legge rischia l’illegittimità

Nuove Province: subito 16 milioni di euro

Il disegno di legge regionale ha previsto una copertura finanziaria per sostenere le consultazioni elettorali: seggi, schede, registri, allestimenti, personale, scrutatori. Saranno necessari cinque milioni di euro. A questa somma vanno aggiunti i nuovi costi politici. I cittadini eleggeranno direttamente nove presidenti, che nomineranno 61 assessori. Dalle urne verranno fuori anche i nomi di 246 consiglieri provinciali. In totale saranno 316 nuovi soggetti politici. I compensi li stabilisce la legge nazionale che si applica anche in Sicilia e che è stata recentemente aggiornata. Fatti i conti, saranno necessari, ogni anno, 11 milioni di euro. Un costo che appare persino irrilevante se paragonato al costo complessivo attuale dei nove enti: 1,7 miliardi di euro l’anno. Sì, è proprio così: i politici “pesano” per un modesto 0,6 per cento sui bilanci delle Province. Che si arrivi a votare nel 2023 o nel 2024, è quindi sicuro che per il primo anno di attività dei nuovi enti serviranno 16 milioni di euro.

Leggi anche –  Aumenta lo ‘stipendio’ del sindaco. Ma solo se lo pagano i cittadini

Le Città metropolitane a Palermo, Catania e Messina

Si intendono tutte come ‘Province‘, ma il disegno di legge fa delle distinzioni . Nelle tre città più grandi della Sicilia, Palermo, Catania e Messina, le “Province” saranno denominate “Città metropolitane“. Proprio come avviene adesso. Saranno guidate da un presidente della Città metropolitana che insieme agli assessori comporrà la Giunta metropolitana. I consiglieri andranno a formare il Consiglio metropolitano. Negli altri capoluoghi, (Trapani, Agrigento, Enna, Caltanissetta, Siracusa e Ragusa), l’attuale denominazione di “Liberi Consorzi comunali” sparirà del tutto. I Consorzi, previsti dallo Statuto siciliano e introdotti dalla legge 15/2015, formalmente non esisteranno più. Saranno sostituiti dalle nuove “Province“. La guida sarà affidata al presidente della Provincia, che insieme agli assessori formerà la Giunta provinciale. I consiglieri eletti costituiranno il Consiglio provinciale. Il disegno di legge prevede che il numero di assessori e consiglieri sia proporzionato alla popolazione residente nel territorio. Quanto alle competenze degli enti, non ci saranno modifiche: resteranno quelle della legge 15.

- Pubblicità -
Agostino Laudani
Agostino Laudani
Giornalista professionista, nato a Milano ma siciliano da sempre, ho una laurea in Scienze della comunicazione e sono specializzato in infografica. Sono stato redattore in un quotidiano economico regionale e ho curato la comunicazione di aziende, enti pubblici e gruppi parlamentari. Scegliere con accuratezza, prima di scrivere, dovrebbe essere la sfida di ogni buon giornalista.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli