fbpx

Reddito di Cittadinanza, Anci alla Regione: aiutare i 40 mila ex percettori

L'associazione dei Comuni Anci ha incontrato oggi l'assessore alla Famiglia e alle Poltiche sociali ribadendo la necessità di un pronto intervento per evitare tensioni sociali

Il tema dell’interruzione del Reddito di Cittadinanza per circa 40 mila famiglie in Sicilia continua a preoccupare i sindaci siciliani. Oggi l’associazione dei Comuni Anci Sicilia, ha incontrato l’assessore regionale alla Famiglia e alla Politiche sociali Nuccia Albano, ribadendo la necessità di definire una misura di accompagnamento verso la riforma prevista dal decreto-legge 4 maggio 2023 n. 48 recante “Misure urgenti per l’inclusione sociale e l’accesso al mondo del lavoro” che ha portato alla cancellazione del reddito di cittadinanza. 

Leggi anche – Reddito di Cittadinanza, a Palermo uno sportello per gli ex percettori

“Ex percettori, ma soprattutto le Istituzioni, non pronti”

“Tutte le Istituzioni interessate – hanno spiegato Paolo Amenta e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale dell’Associazione dei comuni siciliani – stanno prendendo atto che nell’Isola i numeri degli ex percettori di reddito, circa 40 mila, sono tali da non consentire una transizione indolore verso i nuovi strumenti di supporto per la formazione e il lavoro e dell’assegno di inclusione. La mancata previsione di idonee misure di sostegno rischia di alimentare tensioni sociali con ricadute sul funzionamento delle Istituzioni e sul tessuto sociale della Regione”. “Ad un passaggio così brusco – continuano Amenta e Alvano – non sono pronti gli ex percettori del reddito di cittadinanza, ma ancor di più non sono pronte le Istituzioni. I servizi sociali dei comuni non sono nelle condizioni,  né sotto il profilo del personale né sotto il profilo delle risorse economiche, di far fronte alle conseguenti difficoltà e al disagio sociale che si sta manifestando. Non sono pronti i Centri per l’impiego della Regione e non è preparato il sistema di formazione regionale che dovrebbe tradurre un’offerta adeguata al contesto economico dell’Isola”.

Le richieste di Anci al governo regionale

Il presidente Amenta chiede quindi che “il governo regionale faccia valere in ogni sede competente, in particolare nel doveroso confronto con il governo nazionale e nell’ambito della Conferenza delle Regioni e Unificata, la proposta di previsione di una fase di accompagnamento che, in attesa dell’attuazione delle misure previste dal DL 48/2023, non lasci gli ex percettori del reddito del tutto privi di garanzie su come fare la spesa, pagare le bollette e l’affitto. In tale fase di accompagnamento dovrà essere previsto un beneficio economico proporzionato al Reddito di Cittadinanza che veniva percepito che dovrà essere corrisposto finché non potranno essere avviati i percorsi di inclusione e di accompagnamento alla formazione e al lavoro”. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli