fbpx

Reddito di cittadinanza, a Palermo gli assegni più ricchi

L'isola si conferma la seconda regione per numero di famiglie coinvolte e importo medio del contributo. I dati dell'Inps

Conteggio aggiornato di di reddito e pensione di cittadinanza: al 7 gennaio 2020, 1,6 milioni di nuclei hanno presentato domanda. Quelle accolte sono 1,1 milione, 88 mila sono in lavorazione e 457 mila (più di una su quattro) sono state respinte o cancellate. lo affermano gli ultimi dati dell’Inps. Le regioni del Sud e delle Isole, con 911 mila nuclei familiari, detengono il primato delle domande pervenute. E tra le famiglie che percepiscono l’assegno, in testa si confermano Campania (con il 19 per cento delle prestazioni erogate), Sicilia (17 per cento), Lazio e Puglia (9 per cento). Da sole, queste quattro regioni concentrano oltre la metà dei nuclei coinvolti.

Il reddito di cittadinanza in Sicilia

L’importo medio mensile erogato è di 493 euro, ma con importanti oscillazioni tra Sud (dove la media supera del 7 per cento quella nazionale), Centro (dove è inferiore dell’8 per cento) e Nord (dov’è più bassa del 14 per cento). Due famiglie sue tre percepiscono un assegno inferiore ai 600 euro, mentre per l’1 per cento l’importo superiore a 1.200 euro. La Sicilia non è solo seconda per numero di nuclei coinvolti. Lo è anche per assegno medio staccato ai percettori di reddito e pensione di cittadinanza: 545 euro. Ragusa è l’unica provincia dove l’importo è inferiore ai 500 euro, seppure resti oltre la media italiana. Palermo è invece quella dove gli assegni sono più abbondanti: sfiorano i 589 euro. Solo in provincia di Napoli il dato è più alto. Elevati sono anche gli assegni di Catania (545 euro) e Agrigento (531 euro).

Chart by Visualizer

Le famiglie escluse

Da aprile 2019 ad oggi, 56 mila famiglie, di cui 50 mila beneficiari di reddito di cittadinanza e 6 mila di Pensione di Cittadinanza, hanno perso il diritto al beneficio. I motivi di decadenza sono rinuncia del beneficiario (8 per cento dei nuclei), variazione della situazione reddituale del nucleo (10 per cento), variazione della composizione del nucleo ad eccezione di nascita e morte (39 per cento) e infine variazione congiunta della composizione e della situazione economica del nucleo (42 per cento).

- Pubblicità -
Paolo Fiore
Paolo Fiore
Leverano, 1985. Leccese in trasferta, senza perdere l'accento: Bologna, Roma, New York, Milano. Ho scritto o scrivo di economia e innovazione per Agi, Skytg24.it, l'Espresso, Startupitalia, Affaritaliani e MilanoFinanza. Aspirante cuoco, sommelier, ciclista, lavoratore vista mare. Redattore itinerante per FocuSicilia.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
326FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli