fbpx

La neopresidente di Confindustria Catania Busi: “Sugar tax un macigno”

Ad appena tre giorni dalla sua elezione, la neo presidente di Confindustria Catania Cristina Busi torna ad occuparsi della sugar tax, che incidentalmente penalizzerebbe principalmente la sua impresa, la Sibeg - CocaCola

“Dopo nemmeno 24 ore dalla mia nomina a presidente di Confindustria Catania e dopo aver appreso dal ministro Fitto che ci sono pochi margini di trattativa con Bruxelles rispetto ad una proroga della decontribuzione Sud, per le imprese arriva anche il macigno sugar tax, una  tassa iniqua,  contro la quale lavoriamo da ben 11 anni, che avrà un impatto  devastante su ampi settori dell’economia”. Lo afferma Cristina Busi, neo eletta presidente di Confindustria Catania, nonché proprietaria dell’azienda del settore Sibeg – Coca Cola nella zona industriale etnea, alla sua prima uscita pubblica dopo la cerimonia di elezione tenutasi venerdì 10 maggio. Il riferimento è alla tassazione sulle bevande analcoliche che con un emendamento inserito a sorpresa dal governo nel decreto legge Superbonus dovrebbe entrare in vigore dal primo luglio

I danni “enormi” della sugar tax per imprese e Stato

Busi, che è anche vicepresidente con delega alle piccole e medie imprese di Assobibe, fa eco a quanto già dichiarato dal figlio Luca Busi, amministratore delegato di Sibeg-Coca Cola. “Abbiamo sempre collaborato e accettato tutte le richieste dell’attuale governo – prosegue Busi –  pur di addivenire a soluzioni condivise ed evitare quella che per il settore bevande sarebbe una vera catastrofe da Bolzano a Pozzallo. I danni derivanti dall’introduzione della sugar tax sono enormi: contrazione dei volumi e quindi delle entrate fiscali per lo Stato, licenziamenti, drastica diminuzione della vendita di tutti gli agrumi del Sud e  quindi vantaggi economici per la concorrenza estera dove la tassa non è dovuta. Pesanti sarebbero le conseguenze  per tutta la nostra filiera agricola e gli agricoltori, già profondamente danneggiati da regole europee soffocanti. Chiediamo per questo al governo di individuare subito soluzioni che portino all’immediato rinvio della tassa per arrivare poi ad una sua definitiva cancellazione”.   

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli