fbpx

Saldi invernali, ma il caldo anomalo ha finora inciso in negativo sulle vendite

Gennaio, pieno inverno. Ma temperature miti. Un problema anche per la moda: la stagione invernale, e i saldi in corso dal 5 gennaio, sono state influenzate in negativo secondo Assoesercenti. Che chiede per il futuro di posticipare "alla reale scadenza di stagione"

Posticipare i saldi verso una reale fine stagione“. Questa l’idea di Cristiana Anfuso, coordinatrice di Assomoda Assoesercenti. La soluzione, per un ipotetico futuro, dovrebbe anche essere associata alla “revisione delle norme che stabiliscono le vendite in questa fase. Nei giorni che precedono i saldi la clientela chiede sconti, altrimenti, in caso contrario, lascia la merce in cassa, vuole il 40 o il 50 per cento, questo perché non c’è una reale disciplina del settore. In realtà sia a gennaio (per i saldi invernali) che a luglio (per la stagione estiva), gli sconti dovrebbero partire l’ultimo giorno del mese, ma non adesso, in piena stagione”. I saldi in tutta Italia partiranno venerdì 5 gennaio e si concluderanno il 15 marzo.

Un giro d’affari da 5 miliardi. Ma poteva essere più alto

Secondo Assoesercenti i saldi invernali in Italia rappresentano un volume d’affari di quasi 5 miliardi di euro. Le famiglie spenderanno in media circa 130 euro a persona. I capi di abbigliamento (94,4 per cento) e le calzature (85,1 per cento) sono i prodotti più ricercati da quanti si dicono intenzionati a fare acquisti durante i prossimi saldi invernali. “I saldi – dichiara il presidente di Assoesercenti Sicilia Salvo Politino – iniziano in un periodo in cui la stagione invernale è appena iniziata e, se svolti nel giusto periodo, rappresenterebbero un’occasione di grande interesse economico, sia per gli operatori commerciali che per i consumatori. Le piccole e medie imprese del commercio non hanno beneficiato di condizioni climatiche favorevoli, con temperature estive durante quasi tutta la stagione autunnale, per vendere le merci a prezzo pieno, registrando quindi un calo delle vendite di oltre il 40 per cento. A causa di ciò si vedono costrette a svendere a saldo per seguire l’onda dettata dalla grande distribuzione e dal commercio on line. Per questo, come Assoesercenti, auspichiamo per il futuro che la data di inizio degli sconti si avvicini di più a quella della vera fine della stagione”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli