fbpx

‘Sanità pubblica allo sfascio’: la protesta di Cgil e Uil Sicilia arriva a Roma

Una delegazione di Cgil e Uil sarà a Roma sabato 20 aprile, per una protesta sulla situazione della sanità della Sicilia. "Ogni anno 800 mila cittadini rinunciano a curarsi"

Nel 2023 ottocentomila cittadini della Sicilia hanno rinunciato alle cure, mentre chi ha potuto si è spostato nelle altre regioni, rafforzando le fila della cosiddetta “emigrazione nella sanità” che costa alla Regione 177 milioni di euro: parte da questi dati la protesta di Cgil e Uil Sicilia, che sabato 20 aprile saranno a Roma per chiedere risposte alla politica nazionale. Nello specifico, la delegazione delle due organizzazioni sindacali regionali sarà nella Capitale sabato 20 aprile per chiedere “un servizio sanitario nazionale forte, pubblico, universale e un sistema socio-sanitario a garanzia del diritto fondamentale di ogni persona e comunità”. Uno stand “Sicilia” allestito con immagini e materiali informativi racconterà dello sfascio della sistema sanitario pubblico nell’isola. A cominciare dalle difficoltà di accesso alle prestazioni – tra liste d’attesa lunghissime, reparti e ospedali che chiudono – e i bassi redditi.

La protesta dall’Isola a Roma

I sindacati aggiungono altri dati. La Sicilia è la penultima regione d’Italia per prevenzione e spesso le malattie vengono accertate quando sono già in stato avanzato. I Livelli essenziali delle prestazioni non vengono garantiti (Lea 2021). Le disuguaglianze nell’accesso ai servizi e alle cure rispetto alle altre regioni incidono sulle aspettative di vita in buona salute. La Sicilia è la penultima regione seguita dalla Calabria con un gap che supera i cinque anni di vita rispetto al trentino e gli 11 anni rispetto alla provincia autonoma di Bolzano. “Protestiamo, ancora una volta”, dicono i segretari generali di Cgil e Uil Sicilia Alfio Mannino e Luisella Lionti, “per chiedere assieme alle confederazioni nazionali investimenti sulla sanità pubblica. Servono risorse, riorganizzazione e un piano straordinario di assunzione di personale sanitario, con il superamento dunque dei tetti di spesa. Ma serve anche”, aggiungono, “un’azione politica del governo regionale diversa e incisiva, cosa che finora è mancata, con un impegno eccessivo su nomine e occupazione di posti di potere, mente nulla si sa del piano sanitario regionale”.

Sanità in Sicilia, i dati di Cgil e Uil

In Sicilia mancano 18 mila figure professionali della sanità di cui 1.497 medici. La rete di emergenza e urgenza è in situazione critica. La Sicilia con 98 posti ogni 100 mila abitanti è ultima d’Italia per quanto riguarda le strutture residenziali e semiresidenziali. Una “situazione dunque disastrosa“, affermano Mannino e Lionti, “che ha pesanti ricadute su tutti nei termini di un diritto fondamentale negato e soprattutto sui soggetti più fragili della società. Cgil e Uil rivendicano il diritto a curarsi nel territorio in cui si vive”, sottolineano, “senza le lunghe attese che finiscono col pregiudicare la salute dei cittadini. Questo si traduce nella richiesta di investimenti e riorganizzazione, rivolta al governo nazionale e a quello regionale”. Ci sono da potenziare anche, per i sindacati, tra le altre cose, i servizi di salute mentale, l’assistenza domiciliane, la medicina del territorio. C’è insomma da rilanciare e adeguare la sanità pubblica con un forte investimento. Sono i contenuti della piattaforma di Cgil e Uil, che reputano “scandaloso che la Regione abbia investito la metà dei fondi dello Stato per l’abbattimento delle liste d’attesa per la metà nel settore privato”.

La questione della sicurezza sul lavoro

“Solo un sistema pubblico accessibile a tutti”, sostengono Cgil e Uil, “può garantire il diritto universale alla salute e alle prestazioni sociali. Creando benessere e occupazione”. A Roma si protesta pure per la sicurezza sul lavoro, per la riforma fiscale e per la tutela dei salari. “Punti critici anche questi in Sicilia”, dicono i segretari generali regionali delle due organizzazioni, “che ricordano la richiesta ancora inevasa di avere nell’isola un numero adeguato di ispettori sul lavoro per giungere all’obiettivo di zero morti”. Quanto alla riforma fiscale “dal recupero dell’evasione”, dicono Mannino e Lionti. “Occorre reperire le risorse per sanità, istruzione, non autosufficienza diritti sociali, e smetterla di fare pagare solo lavoratori e pensionati”. Per i salari i sindacati chiedono “il superamento della precarietà, il rinnovo dei contratti e la loro puntuale applicazione nei posti di lavoro”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli