fbpx

Lo “scarto” per generare Bellezza: a Gela le opere del progetto “Fuori le Mura”

"La Giustizia per la Bellezza di Comunità" è il titolo del convegno che si terrà il 15 aprile 2024 a partire dalle 15.30 nei locali della pinacoteca comunale di Gela e organizzato nell'ambito del progetto "Fuori le Mura" promuove il primo inserimento o il reinserimento lavorativo e sociale delle persone sottoposte a misure e sanzioni di comunità, o in regime di detenzione in carcere e finanziato da Fondazione con il Sud e con capofila la Cooperativa Prospettiva Futuro. Al termine del dibattito la presentazione di due "Opere di Riparazione" realizzate dai detenuti della Casa circondariale di Gela

Lo “scarto”, il rifiuto, può trovare ancora una sua estensione di senso. Due “Opere di Riparazione” realizzate con materiali di scarto dai detenuti della Casa Circondariale di Gela, saranno donate oggi, 15 aprile, alla città. Sono copie di maschere classiche conservate presso il Museo Archeologico di Gela, il “sileno” e il “gorgone”, e verranno presentate a Gela nelle Scalinate di Via Scontrino e Via Pietro Vasile oggi alle ore 18.00.

Il progetto “Fuori le Mura” nelle carceri

Le opere fanno parte delle attività del progetto “Fuori le Mura”, attuato dalla Cooperativa Sociale “Prospettiva Futuro” di Catania, in qualità di Capofila di una partnership tra enti del terzo settore, della pubblica amministrazione e del privato, in collaborazione con la Casa Circondariale di Gela e il Comune di Gela. Il progetto è realizzato con il sostegno della Fondazione Con Il Sud. I risultati del progetto, in attuazione dal 1 agosto 2020, verranno presentati oggi, a partire dalle 15.30, nella pinacoteca comunale di Gela con un convegno dal titolo “La Giustizia per la Bellezza di Comunità“.

Arte e Bellezza per riqualificare il tessuto sociale

“Cooperativa Prospettiva Futuro – spiega Domenico Messina, Direttore del progetto ‘Fuori le Mura’ – è impegnata all’interno e al di fuori delle carceri ormai da oltre trent’anni, e l’esperienza ci ha fatto capire l’importanza del principio della giustizia riparativa. Ovvero non solo reprimere e punire, ma dare attenzione oltre che al reato alle persone. Se vogliamo ridurre gli episodi di recidiva dei reati dobbiamo ricostruire i legami tra persona e comunità. In questo percorso l’Arte, la Bellezza, la Ricostruzione del territorio, che si accompagnano alla riqualificazione del tessuto sociale, hanno un ruolo fondamentale. Vediamo da molti anni che quando si fanno percorsi riparatori la recidiva diminuisce. Senza togliere la recidiva non usciremo mai da questo circolo vizioso. Investire più sulle misure alternative al carcere, come del resto da indicazioni date dalla stessa riforma Cartabia, funziona. Ecco perché la consegna delle Opere di Riparazione alla città di Gela che avviene quasi al termine del percorso progettuale di “Fuori le Mura” che ha avuto proprio qui il suo centro principale, rappresenta la Giustizia per la Bellezza di Comunità”, conclude Palermo.

Il programma dell’evento a partire dalle 15.30

Di seguito il programma completo dell’evento e i relatori:
– Ore 15.30 – Saluti istituzionali
Lucio Greco – Sindaco di Gela, Roberto Riggio Presidente del Tribunale di Gela, Lucia Musti – Procuratore della Repubblica f.f. Tribunale di Gela, Anna Internicola – Direttore Ufficio Interdistrettuale Esecuzione Penale Esterna della Sicilia, Emanuele Ricifari – Presidente Associazione Nazionale Funzionari di Polizia e Dirigente Generale di Pubblica Sicurezza, Ugo Costa – Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Gela
Ore 16.00 Interventi dei relatori
Domenico Palermo – Direttore del Progetto “Fuori le Mura”, Giovanni Quadrio – Psicologo Arteterapeuta e Supervisore dei Laboratori “Fuori le Mura”, Luigi Giocolano – Responsabile dei Laboratori di Arteterapia “Fuori le Mura”, Pina Irrera – Direttore dell’Ufficio Trattamento Detenuti del PRAP Sicilia, Salvo Emanuele Leotta -Direttore dell’UDEPE di Caltanissetta, Walter Bressi – Direttore della Casa Circondariale di Gela, Maria Grazia Vagliasindi – già Presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta, Maria A. Giordano – Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Gela, Cesira Rinaldi – già Direttore della CC di Gela, Luciana Carfi – Presidente del Circolo ARCI “Le Nuvole” Gela, Rossella Pezzino De Geronimo – Amministratore Unico DUSTY srl, Glauco Lamartina – Presidente della Cooperativa Sociale “Prospettiva”.
Moderano Rosanna Provenzano – Referente UIEPE del Progetto già Direttore UEPE di Caltanissetta, Jerry Italia – Giornalista
Conclusioni
Stefano Consiglio – Presidente della Fondazione Con II Sud
– Ore 18.00
Inaugurazione delle Opere della Riparazione Scalinate di Via Scontrino e di Via Pietro Vasile (alle spalle del Palazzo di Città)

Cos’è il progetto “Fuori le Mura”

“Fuori le Mura” è un progetto imperniato sul lavoro come fattore centrale del processo di inclusione sociale, sostenuto dalla Fondazione “Con I Sud” nell’ambito dell’Iniziativa Carceri 2019 “E vado a lavorare”. In attuazione dal 1 agosto 2020 nelle province di Catania, Messina, Caltanissetta e Palermo, promuove il primo inserimento o il reinserimento lavorativo e sociale delle persone sottoposte a misure e sanzioni di comunità, o in regime di detenzione in carcere, con l’intento di elevarne il tasso di occupabilità e ridurne, almeno nel lungo periodo, la recidiva.
Esso nasce dalla coprogettazione di una solida e qualificata rete sociale pubblico-privata costituita da Enti del Terzo Settore, come la Cooperativa sociale “Prospettiva Futuro” di Catania; della Pubblica Amministrazione, come l’Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna (UIEPE) per la Sicilia; e del privato profit come la DUSTY srl, leader nel settore dell’igiene urbana e della sostenibilità ambientale.
Della vasta partnership, guidata da Prospettiva Futuro, fanno parte anche l’Impresa Sociale “Arché” di Catania, specializzata nella formazione professionale, le Case Circondariali di Catania “Piazza Lanza”, di Gela (CL) e di Palermo “Ucciardone”, la Casa di Reclusione di S. Cataldo (CL), il Centro Astalli per l’Assistenza agli Immigrati di Catania, il Centro di Accoglienza Padre Nostro di Palermo, il Consorzio di Cooperative Sociali “Il Nodo” di Catania, la Cooperativa Sociale “Golem” di Valguarnera (EN), l’Istituto Penale per Minorenni di Catania e gli UEPE di Caltanissetta/Enna, Catania, Messina e Palermo, nonché l’Ufficio del Garante dei Diritti dei Detenuti della Regione Siciliana.
Obiettivo specifico del progetto è il potenziamento della capacità d’inserimento nel mercato del lavoro di soggetti in espiazione di condanne penali definitive in carcere o in regime di esecuzione di misure alternative e sostitutive, mediante interventi di formazione professionale, tirocini e rapporti di lavoro attivati prevalentemente presso l’azienda partner.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli