fbpx

Siccità, giunta Schifani stanzia 16 milioni. Per il rilancio di Ast 6,5 milioni

Siccità e mobilità al centro del disegno di legge “Disposizioni finanziarie varie” varato oggi oggi dalla giunta regionale guidata da Renato Schifani. Il dettaglio delle misure

La siccità continua a mordere la Sicilia, e il governo Schifani risponde, tra le altre cose, con 16 milioni di euro “per affrontare la crisi idrica“. In tema di mobilità, inoltre, la Giunta ha stanziato 6,5 milioni “per il rilancio dell’Ast“, Azienda siciliana trasporti. Sono queste le misure principali previste nel disegno di legge “Disposizioni finanziarie varie” varato oggi oggi dalla giunta regionale – che con un altro DDL si è occupata anche delle ex province – e che sarà trasmesso all’Assemblea regionale siciliana per l’approvazione definitiva.

Giunta Schifani, misure sulla siccità

Per quanto riguarda l’emergenza siccità, il ddl prevede la costituzione di un fondo al dipartimento regionale della Protezione civile da nove milioni di euro per gli interventi immediati conseguenti alla dichiarazione di stato di crisi. Circa 6,9 milioni di euro (tra stanziamenti e minori introiti), invece, sono previsti per sostenere il settore agricolo. In particolare, 5 milioni serviranno per i contributi alle aziende di allevamento per l’acquisto di foraggio e per l’approvvigionamento idrico per gli animali. Altri 400 mila euro andranno a copertura dei costi degli esami di laboratorio e delle spese veterinarie sostenute dagli allevatori che praticano la transumanza di bovini all’interno del territorio regionale. Inoltre, è previsto l’esonero dal pagamento del canone dovuto per l’uso dei pascoli del demanio forestale, un provvedimento che comporterà alla Regione minori introiti per 1,5 milioni di euro.

Ast, l’intervento del governo regionale

Nel ddl spazio anche alle misure per l’Ast, l’Azienda siciliana trasporti partecipata totalmente dalla Regione che da spa sarà trasformata in società in house. Per dare attuazione alla sua ristrutturazione sono stanziati per il 2024 quasi 6,5 milioni di euro, di cui 2,5 per l’aumento del capitale sociale e quasi 4 milioni (esattamente 3.946.886 euro) per il ripiano di quota parte delle perdite complessive conseguite. Inoltre, per il 2025 e il 2026 sono previsti fino a un massimo di 5,5 milioni di euro all’anno da destinare a investimenti. Gli interventi finanziari sono, però, subordinati alla presentazione e all’approvazione del piano di ristrutturazione aziendale dal quale risulti comprovata la sussistenza di concrete prospettive di recupero dell’equilibrio economico delle attività, nel rispetto dei principi di efficienza, efficacia e di economicità e di qualità dei servizi. 

Servizi di vigilanza e manutenzione stradale

Infine, sono autorizzate spese per un totale di 335 mila euro che riguardano il rafforzamento dei servizi di vigilanza e manutenzione stradale tramite il bacino ex Servirail e Ferrotel da cofinanziare con il Cas; il funzionamento della conferenza speciale di servizi per i lavori pubblici e della commissione regionale dei lavori pubblici; il mantenimento e il funzionamento dell’organismo di ispezione di “Tipo B” (nell’ambito del settore delle costruzioni). La manovra si basa su economie di spesa rinvenute nelle pieghe del bilancio regionale per far fronte a situazioni non differibili, in attesa della verifica dell’andamento delle entrate di giugno.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli