fbpx

Emigrazione, continua la fuga dalla Sicilia. Il 32% sceglie la Lombardia

Caltanissetta è la provincia meno attrattiva d'Italia, tutto il Mezzogiorno ha perso più di 168 mila giovani laureati. Preoccupante il dato sui laureati 24-35 anni che hanno salutato l'Isola per trasferirsi in un'altra regione. I dati statistici confermano il trend di una storia ormai centenaria

Istat lo chiarisce ancora: continua la fuga dei siciliani dalla Sicilia, soprattutto se giovani e laureati. In valori assoluti la Sicilia è la seconda regione d’Italia con più emigrazione, e la destinazione preferita è una città del Nord Italia. Archiviato il periodo Covid-19 in tutta Italia sono ripresi gli spostamenti tra le regioni e secondo i dati statistici il Mezzogiorno ha perso più di 168 mila giovani laureati, emigrati nel Settentrione, che così compensa gli addi provocati dalle migrazioni interne verso le regioni europee vicine. Chi lascia l’Italia per stabilirsi all’estero sceglie ancora la Germania, Gran Bretagna, Svizzera, Francia e Spagna.

Leggi anche – Aree interne, il “decalogo” di Cgil e Cna Sicilia per contrastare lo spopolamento

Caltanissetta provincia meno attrattiva d’Italia

C’è una provincia siciliana tra i territori meno attrattività in Italia ed è Caltanissetta. Non un dato “isolato”, ma contestualizzato in un quadro in cui tutto il Mezzogiorno non attira gli italiani che vogliono spostarsi dal territorio di origine. Discorso diverso per il Nord e il Centro. Il Nord Est è la zona più attrattiva del Paese, con un tasso migratorio medio annuo del +2,4 per mille nel biennio 2022-2023, sostenuto anche dall’Emilia-Romagna (+3,6 per mille). Nel Nord-ovest, il tasso migratorio medio è invece del +1,8 per mille, grazie alla Lombardia (+2 per mille). Il Centro registra un tasso migratorio positivo ma più contenuto (+0,6 per mille), mentre Sud e Isole mostrano, appunto, tassi migratori negativi (-3,5 e -2,7 per mille rispettivamente). In base ai dati Istat sono particolarmente alti i tassi negativi in Basilicata (-5,7 per mille), Calabria (-5,3 per mille), Molise (-4,4 per mille) e Campania (-4 per mille). A livello sub-regionale, le province meno attrattive sono appunto Caltanissetta (-7,1 per mille), Reggio di Calabria (-6,7 per mille) e Crotone (-6,3 per mille). All’opposto, Pavia ha il più alto tasso migratorio interno (5,1 per mille), seguita da Bologna e Ferrara.

Leggi anche – Ragusa “città universitaria” con due nuovi corsi di laurea. Tutti i numeri 

253 mila via dal Sud. In Sicilia il 24% secondo Istat

Ancora secondo i dati sull’emigrazione diffusi da Istat, la mobilità interna in Italia rimane stabile, con il 60% degli spostamenti che avvengono dentro la provincia, il 10% entro la regione e il 30% verso un’altra regione, come nel caso della Sicilia. Dal Mezzogiorno l’emigrazione si sposta verso il Centro Nord, dove sono stati registrati 253mila trasferimenti di residenza, con una perdita netta di 129 mila residenti per il Sud e la Sicilia. La Campania è la regione con il maggior numero di cancellazioni (28,8%), seguita da Sicilia (24,1%) e Puglia (18%). Il 31,8% dei siciliani sceglie la Lombardia, il 15,3% l’Emilia-Romagna, il 10,9% il Veneto, il 10,4% il Lazio, il 21,1% “altre regioni del Nord”, registra Istat. La Calabria ha il tasso di emigratorietà più alto (9 per mille), mentre nelle province Crotone raggiunge 11,5 per mille. Bologna è la provincia centro-settentrionale più attrattiva, 6,7 per mille.

Oltre un milione di giovani ha lasciato l’Italia per l’estero

Non ci sono dati specifici sull’emigrazione dalla Sicilia di chi ha un alto titolo di studio, ma resta centrale un altro dato diffuso da Istat a livello nazionale: quattro giovani emigrati italiani su dieci hanno almeno una laurea. Il trasferimento di residenza all’estero, secondo i dati statistici, è una scelta per acquisire conoscenze, esperienze di studio o lavoro e migliorare le opportunità di crescita economica e personale. Negli ultimi dieci anni i giovani italiani che sono emigrati sono aumentati, con pochi rientri in patria. Dal 2013 al 2022, oltre un milione di giovani ha lasciato il paese, di cui 352 mila tra i 25 e i 34 anni. 132 mila di questi erano laureati. Nello stesso periodo, 104 mila giovani della stessa fascia d’età è rientrato, con 45 mila laureati, facendo registrare una perdita netta di 87 mila giovani laureati. Nel 2022, gli espatri di giovani laureati sono aumentati del 23,2% rispetto al 2021, mentre i rientri sono diminuiti del 18,9%. Con un saldo migratorio negativo di 12 mila laureati. Le destinazioni preferite sono i paesi europei, con la Germania in testa seguita da Regno Unito, Svizzera, Francia e Paesi Bassi.

Leggi anche – In Sicilia “a spasso” un laureato su due. I dati dei Consulenti del lavoro

Il Mezzogiorno ha perso più di 168 mila giovani laureati

Il Mezzogiorno ha perso complessivamente più di 168 mila giovani laureati. Secondo Istat, la Lombardia ne ha avuto il maggior guadagno netto, acquisendo 57 mila giovani nonostante una perdita di 16 mila verso l’estero. L’Emilia-Romagna ne ha guadagnati 29 mila. In termini relativi, proprio Emilia-Romagna e Lombardia hanno i tassi migratori positivi più alti (+0,7 e +0,6 per mille), mentre Basilicata e Calabria hanno i tassi negativi più elevati (-1,2 per mille ciascuna). La Campania ha registrato la maggiore perdita a Sud con 46 mila giovani emigrati, la Sicilia registra la quinta maggiore perdita (-0,7 per mille): i laureati siciliani si spostano più verso le altre regioni che verso l’estero. A livello nazionale, i trasferimenti interni – spiega Istat – compensano questi spostamenti, ma solo per Nord e Centro, che hanno attratto rispettivamente oltre 125 mila giovani laureati e 13 mila giovani dal Mezzogiorno.

- Pubblicità -
Chiara Borzì
Chiara Borzì
Sono una giornalista specializzata nei temi di economia, impresa, ambiente, cultura e sport. Attualmente dottoranda di ricerca e cultrice della materia di "Storia Contemporanea" presso l’Università degli Studi di Enna "Kore".

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli