fbpx

Sicilia, amianto boia per molti lavoratori in zone ad alto rischio ambientale

Tra San Filippo del Mela-Milazzo, Augusta-Priolo e Gela sono molti i lavoratori che hanno malattie legate all'esposizione da amianto. I dati del monitoraggio regionale

La Regione Siciliana è tra le prime ad aver avviato un programma d’intervento per il
monitoraggio e l’analisi dei problemi di salute dei lavoratori, o ex lavoratori di
aziende, fabbriche e siti industriali in zone ad alto rischio ambientale. I risultati degli
studi saranno oggetto di pubblicazione in sinergia con l’ISS.

Esposizione all’amianto

Nell’ambito del programma d’intervento, fino al 2020 sono stati censiti in tutta la
regione 9228 lavoratori potenzialmente ex esposti ad amianto di cui 1457 già in
carico dagli SPRESAL (servizi di prevenzione e salute dei lavoratori) dei Dipartimenti
di prevenzione, principalmente nelle tre aree oggetto di indagine (San Filippo del
Mela-Milazzo, Augusta-Priolo, Gela). In particolare, lo studio ha interessato lo stato di salute degli ex lavoratori della Sacelit (San Filippo del Mela) e della Eternit (Siracusa) e dei lavoratori del petrolchimico di Gela. Il programma prevede un protocollo diagnostico di monitoraggio mirato che consente di individuare attraverso metodiche avanzate di diagnosi clinica e strumentale eventuali lesioni in fase precoce.

Leggi anche – Sicilia, la Regione ha il suo Piano per l’amianto. Adesso tocca ai Comuni

Turmori a stomaco, pleura e polmoni

I risultati delle indagini svolte su una coorte di ex lavoratori di aziende di produzione
di manufatti in cemento-amianto (complessivamente 1128 ex lavoratori) mostrano
un’elevata presenza di malattie amianto-correlate, in particolare tra gli uomini.
L’analisi della mortalità ha evidenziato tra gli uomini rischi in eccesso per asbestosi e
per i tumori maligni (TM) dello stomaco, della pleura e dei polmoni.

Leggi anche – Amianto, killer silenzioso. In Sicilia 600 vittime l’anno

Sorveglianza sanitaria

Anche i risultati delle analisi condotte su lavoratori del comparto petrolchimico
(5.627 soggetti) confermano quanto emerso in precedenti studi riguardo ad eccessi
per tumore del polmone e dei ricoverati per malattie respiratorie acute e genito-
urinarie (in misura maggiore tra gli operai rispetto agli impiegati). L’esito dello studio evidenzia l’importanza del programma di sorveglianza sanitaria nei lavoratori che i Servizi di Medicina del lavoro delle ASP siciliane hanno avviato nelle aree a rischio ambientale nell’ambito del programma organico di interventi sanitari varato dalla regione estendendo le condizioni oggetto di monitoraggio al follow up a ulteriori categorie diagnostiche.

- Pubblicità -
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
262FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli