fbpx

Sicilia, con la Pasqua torna il caro-voli. Codacons: bonus Regione non funziona

Con la Pasqua torna il caro voli da e per la Sicilia. Secondo le stime del Codacons, che ha presentato denuncia all'Antitrust, "un Milano-Palermo con Ita Airways ad esempio costa 447,21 euro partendo il 7 aprile alle 14 e rientrando l’11 aprile in serata"

Dentro l’uovo di Pasqua, anche quest’anno, la Sicilia troverà aumenti dei prezzi dei biglietti aerei: il bonus voli istituito dalla Regione, secondo il Codacons, “non avrebbe attenuato il caro prezzi”. Secondo le stime dell’associazione dei consumatori – che ha presentato denuncia presentata all’Antitrust – “un Milano-Palermo con Ita Airways ad esempio costa 447,21 euro partendo il 7 aprile alle 14 e rientrando l’11 aprile in serata”. Le tariffe crescono ulteriormente se si scelgono orari più comodi. “Il prezzo arriva sino a 557 euro in economy. E la situazione non migliora con Ryanair, perché il prezzo oscilla tra 248 e 302 euro“. Una situazione inaccettabile, secondo l’associazione. “Per molti siciliani si avvicina il momento di rientrare nell’Isola, ma tanti dovranno rinunciare all’idea perché i prezzi dei biglietti aerei sono altissimi”. Le tariffe, inoltre, “rimarrebbero alte anche per i giorni successivi alla Pasqua, che quest’anno cadrà il 31 marzo“.

Caro-voli a Pasqua, la denuncia del Codacons

Insomma, il fenomeno del ‘caro voli’ per le festività si ripete, denunciano dall’associazione. Per questo l’avvocato Bruno Messina, vice presidente regionale Codacons, annuncia un nuovo esposto all’Autorità garante della concorrenza e del mercato contro le compagnie aeree. “Quanto sta accadendo è paradossale”, afferma, “da un lato l’Autorità di regolazione dei trasporti evidenzia che nel 2022 le compagnie aeree hanno ricevuto circa 340 milioni di euro di sussidi da parte delle società aeroportuali, dall’altro il costo dei biglietti nei periodi delle festività aumenta. Inoltre, i biglietti sono salatissimi pur essendovi i contributi della Regione siciliana. Quindi, le compagnie hanno ricevuto moltissimi incentivi dalle società di gestione degli aeroporti e noi paghiamo i contributi regionali, ma ci troviamo comunque davanti a continue impennate dei prezzi“.

Messina: “Valutare le dinamiche di mercato”

“Questo fenomeno”, continua Messina, “suscita interrogativi sulle dinamiche di mercato e solleva dubbi anche sull’efficacia delle politiche di incentivazione. Le tariffe elevate sembrano non riflettere adeguatamente la situazione economica e le politiche di sostegno in atto. Per questo depositeremo, con la collaborazione della task force legale Tanasi Consumers, un esposto all’antitrust. Vogliamo che la questione dei prezzi dei voli da e per la Sicilia venga approfondita valutando le dinamiche di mercato e attraverso una maggiore trasparenza nei costi e nelle tariffe“.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli