fbpx

Sicindustria: “2020 negativo, manca un modello di sviluppo”

Per Alessandro Albanese, vice presidente vicario dell'associazione, "non sarà un buon anno per l'economia siciliana". Colpa del governo regionale, ma anche di quello nazionale

Per Alessandro Albanese il futuro delle imprese è negativo. Bocciata, poi, la classe dirigente e politica della Regione nonché il modello di sviluppo per l’isola. Non usa mezzi termini il vice presidente vicario di Sicindustria: “Non ci aspettiamo un buon anno”. Il problema del settore è atavico, tanto più se, come ricorda, si sono fatte e continuano a farsi scelte sbagliate, “sia per quella che è stata la programmazione che per quello che continuiamo a fare”. Insomma: “Manca un vero modello di sviluppo”.

Governo “nemico” delle aziende

Le colpe, però, non sono solo regionali. “Abbiamo avuto un’involuzione anche a livello nazionale”, afferma Albanese. “L’impresa è l’ultimo baluardo dell’economia, non per nulla siamo il secondo Paese per le esportazioni del manifatturiero dell’Unione europea. E c’è sempre un modo per vessarla. L’abbiamo visto con le ultime tasse che hanno partorito, dalla sugar tax alla tassa sulla plastica. O con le sanzioni sui sequestri per motivi fiscali: una discriminante fortissima”. Secondo il rappresentante degli industriali siciliani andrebbe fatto un ragionamento complessivo: “Se si vuole fare una vera riforma si deve partire dal nodo giustizia”. Non solo. Servono le risorse. Anche per questo spera nelle Zes, perché sono “uno strumento che può aiutare il sistema economico del Sud”.

Leggi ancheTurano: “Nel 2020 strategiche Zes e legge sul commercio”

Le imprese “mucche da mungere”

Albanese cita l’ex primo ministro britannico Winston Churchill per dire che “le imprese sono viste o come una mucca da mungere o come una tigre da abbattere”. Nonostante le tante difficoltà, comunque, “non mancherà mai la passione, l’aiuto, la concretezza e l’intelligenza delle migliaia di imprese isolane che reggono l’economia della Sicilia. Speriamo che il nuovo anno illumini la politica e la classe dirigente”.

- Pubblicità -
Desirée Miranda
Desirée Miranda
Nata a Palermo, sono cresciuta a Catania dove vivo da oltre trent'anni. Qui mi sono laureata in Scienze per la comunicazione internazionale. Mi piace raccontare la città e la Sicilia ed è anche per questo che ho deciso di fare la giornalista. In oltre dieci anni di attività ho scritto per la carta stampata, il web e la radio. Se volete farmi felice datemi un dolcino alla ricotta

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
341FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli