fbpx

Terza età, in Sicilia gli over 65 sono il doppio degli under 15. “Serve una legge”

Secondo i sindacati Cgil, Cisl e Uil Sicilia, che hanno organizzato un convegno sulla terza età, "l'Isola è nel pieno di un chiaro inverno demografico, gli over 65 sono il doppio degli under 15 con una crescita esponenziale evidenziata dai dati". I numeri

La Sicilia non è terra per giovani, come registrano tutti gli indicatori statistici, ma non è neanche terra per la terza età. La popolazione over 65, sebbene sia quella più numerosa, non invecchia bene. Le pensioni in media sono di circa mille euro al mese, l’aspettativa di vita è di quasi tre anni in meno che nel resto d’Italia, l’accesso alle cure è complesso, come indica l’ultimo rapporto Bes dell’Istat. Questo il quadro che è emerso dal convegno su “Invecchiamento attivo. Serve una legge anche in Sicilia”, organizzato da Spi Cgil Sicilia, Fnp Cisl Sicilia, Uilp Sicilia con Cgil, Cisl e Uil Sicilia, che si è svolto oggi alle Nuove Officine Zisa di Palermo promosso anche dai presidenti regionali delle associazioni Ada, Anteas e Auser Francesco Quartararo, Alfio Giulio e Giorgio Scirpa.

Terza età, la situazione in Sicilia

La Sicilia è nel pieno di un chiaro inverno demografico, gli over 65 sono il doppio degli under 15 con una crescita esponenziale evidenziata dai dati: nel 2013 gli over 65 erano il 19,33%, nel 2023, il 22,85%. Dunque occorre che si pianifichino politiche e azioni dedicate, che vadano nella direzione di sostenere l’invecchiamento in salute e la presenza attiva degli anziani nel tessuto sociale. Per i segretari generali dello Spi Cgil, della Fnp Cisl Sicilia e della UilP, Maria Concetta Balistreri, Rosaria Aquilone e Claudio Barone: “È tempo di una legge sull’invecchiamento attivo in Sicilia, che sia dotata di risorse e certezze. È indispensabile uscire dalla devastante cultura dello scarto, che ha ridotto l’anziano a fardello sociale. Pensionate e pensionati possono dare una mano a risollevare questa regione e questo Paese”.

Garantire assistenza ai più fragili

“Un progetto concreto è quel Servizio civile degli Anziani attivi che può servire a tanto e a tanti”, proseguono i segretari generali, “dal tutoraggio scolastico alla formazione professionale, dal sostegno alle persone senza fissa dimora alla documentazione storica, dalla tutela ambientale all’assistenza ai più fragili. Rappresentiamo centinaia di migliaia di persone, pensiamo che sia un errore segmentare sguardo e azione. Il contatto continuo e diretto con lavoratrici e lavoratori, con pensionate e pensionati, persone che vivono in un territorio, usufruiscono di servizi per sé e per le proprie famiglie, che manifestano bisogni, ci mostrano uno spaccato di vite complesse, che ci consegna la cornice entro cui proporre, pianificare, programmare e progettare nuove politiche”.

Potenziare la medicina sul territorio

Va varata una legge sull’invecchiamento attivo“, dichiarano Francesco Lucchesi, Sebastiano Cappuccio e Luisella Lionti e, rispettivamente segretario regionale Cgil Sicilia, segretario generale Cisl Sicilia, segretaria generale Uil Sicilia, “partendo dal presupposto che gli anziani sono assolutamente una risorsa e lo sono ancora di più per questa regione. Bisogna ripartire da un patto di rete fra sindacato, associazioni, Regione e Anci. In modo da realizzare sul territorio strategie condivise per far svolgere agli ultrasessantacinquenni un ruolo nel circolo produttivo e sociale dell’isola. Certamente va potenziata la medicina sul territorio. Inoltre vanno attuati interventi a sostegno della prevenzione, della personalizzazione dell’assistenza, dell’integrazione tra ospedale e territorio. Ciò perché l’allungamento della vita impone nuove scelte di tipo sanitario e sociosanitario. Il sistema del welfare deve essere al passo con i tempi e deve saper rispondere alle nuove esigenze. Le risorse ci sono, a partire da quelle del Pnrr e dei fondi europei. Invecchiare bene non deve essere un privilegio ma un diritto da tutelare”. 

Regione Siciliana è all’avanguardia

Per la segretaria nazionale della Fnp Cisl, Annamaria Foresi, “il nostro Paese sta vivendo una transizione demografica epocale, i cui esiti non sono scontati. Molti meno giovani, molti più anziani. L’universo delle persone con età compresa tra 65 e 79 anni: persone dinamiche, attive, in buone condizioni economiche e di salute. Donne e uomini con coraggio e curiosità, che vanno valorizzate superando visioni stereotipate che li vedono come fragili, bisognosi e dipendenti. La Regione Siciliana è stata all’avanguardia sulle normative per l’invecchiamento attivo, occupandosene a partire dal 1981. È importante riprendere il filo di questo discorso, approvando una legge regionale che agevoli un cambiamento di paradigma e contribuisca a riportare le persone anziane nell’Agorà”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli