fbpx

Cure palliative. Unicredit Sicilia dona alla Samot di Ragusa

"Dal 2011 ad oggi, attraverso alla carta etica, Unicredit ha assegnato in Sicilia oltre due milioni e trecentomila euro a circa 200 progetti di onlus che operano nell’isola" ha ricordato inoltre il responsabile Unicredit Sicilia Salvatore Malandrino

Grazie alla donazione di UniCredit Sicilia, la SAMOT Ragusa Onlus ha potuto acquistare apparecchiature mediche che consentiranno di effettuare l’emogasanalisi presso il domicilio degli assistiti. Fondamentale per i pazienti che hanno bisogno di cure palliative.

Cos’è Samot Ragusa Onlus

SAMOT Ragusa Onlus offre un servizio di cure palliative domiciliari in regime di accreditamento con il Servizio Sanitario Regionale e in convenzione con le Aziende Sanitarie Provinciali di Ragusa, Siracusa e Trapani. I servizi di cure palliative, emotrasfusione, somministrazione di terapie antiblastiche e il supporto psicologico agli assistiti e ai familiari consentono di migliorare la qualità di vita. Dando sollievo dalla sofferenza e il sostegno per affrontare le altre problematiche connesse alla malattia. Tra le persone assistite in fase terminale il numero di malati con insufficienza respiratoria cronica risulta essere estremamente elevato. Con effetti peggiorativi in termini di qualità della vita. Ad oggi – scrive Unicredit Sicilia – per valutare se la dispnea può beneficiare dell’ossigenoterapia è richiesta una valutazione tramite emogasanalisi al fine di osservare i parametri di ossigenazione prima che la terapia sia indicata.

Emogasanalisi per i pazienti che non possono andare in ospedale

L’esecuzione dell’emogasanalisi a domicilio del paziente impossibilitato a raggiungere la struttura ospedaliera avviene, al momento, attraverso il coinvolgimento di diversi soggetti. Il medico di medicina generale che prescrive l’esame, l’infermiere che lo deve eseguire, il laboratorio di analisi che deve restituire i risultati, il medico specialista che deve valutarli ed eventualmente prescrivere l’ossigenoterapia. Il coinvolgimento di diversi soggetti può comportare ritardi oltre che difficoltà logistiche per i pazienti coinvolti. L’utilizzo degli analizzatori portatili, che SAMOT Ragusa ha acquistato nelle scorse settimane grazie alla donazione di UniCredit, permetterà di eseguire l’emogasanalisi a domicilio.

Malandrino (Unicredit): “Grazie al 2×1000”

“UniCredit è da sempre vicina alle esigenze del territorio” sottolinea Salvatore Malandrino, Responsabile Regione Sicilia di UniCredit Italia. “Lo è fornendo un contributo concreto alle necessità delle comunità in cui opera. La nostra donazione è stata resa possibile grazie a UniCreditCard Flexia Etica, collegata ad un progetto etico. La carta etica prevede che il due per mille delle spese effettuate dai clienti vada ad alimentare, senza alcun onere a carico del titolare della carta, uno specifico Fondo. Le disponibilità sono destinate a diverse iniziative e progetti di solidarietà. Dal 2011 ad oggi, attraverso la nostra carta etica, la banca ha assegnato in Sicilia oltre due milioni e trecentomila euro a circa 200 progetti di onlus che operano nell’isola”. 

Di Noto (Samot Ragusa): “Più vicini ai pazienti”

“La donazione di UniCredit alla nostra Associazione ci permetterà di essere ancora più vicini ai bisogni dei pazienti e alle loro famiglie. L’impiego degli analizzatori portatili garantirà una gestione più dinamica dell’assistenza e del ricorso all’ossigenoterapia a vantaggio esclusivo degli assistiti. La donazione, dunque, rappresenta non solo un gesto di tangibile solidarietà, ma anche un intervento specifico finalizzato al sostegno della collettività. Per questa importante opportunità ringrazio UniCredit che ha offerto il suo contributo supportando la nostra Associazione. Samot è impegnata da sempre a garantire la qualità e la dignità della vita anche nella malattia” dichiara Daniela Di Noto, Rappresentante Legale della SAMOT Ragusa Onlus.

- Pubblicità -
Chiara Borzì
Chiara Borzì
Sono una giornalista specializzata nei temi di economia, impresa, ambiente, cultura e sport. Attualmente dottoranda di ricerca e cultrice della materia di "Storia Contemporanea" presso l’Università degli Studi di Enna "Kore".

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli