fbpx

Unict punta sull’orientamento: “Oltre 17 mila studenti coinvolti, target superati”

Il progetto sull'orientamento di Unict, finanziato con risorse del Pnrr, quest'anno ha attratto oltre 17 mila studenti, più del doppio rispetto all'anno precedente. Al centro del salone le attività formative, ma anche sostenibilità e musica. L'importanza dell'internazionalizzazione

Unict punta sull’orientamento per rilanciarsi, “aumentando le iscrizioni e riducendo il tasso di abbandono“, sfruttando al massimo le risorse stanziate dal Pnrr, “che quest’anno per il nostro Ateneo sono state aumentate a 3,5 milioni, grazie al superamento del target di studenti coinvolti, ben 17 mila a fronte dei 13 mila previsti”. Maria Violetta Brundo, delegata del Rettore dell’Università di Catania per l’orientamento, fa il punto con FocuSicilia sul Salone dell’Orientamento che si svolgerà dal nove all’11 aprile al Cus, Centro universitario sportivo. La manifestazione è organizzata nell’ambito del progetto “Oui, ovunque da qui”, finanziato dal ministero dell’Università e della Ricerca con fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza. “Dopo il successo del primo anno, nel 2024 raddoppieremo gli studenti coinvolti, con oltre 110 scuole partecipanti da tutta la Sicilia e anche dalla Calabria”, dice Brundo. “Non si tratta soltanto di convincere gli studenti a iscriversi, ma di aiutarli a scegliere l’indirizzo giusto per seguire le proprie vocazioni“.

Leggi anche – Ragusa “città universitaria” con due nuovi corsi di laurea. Tutti i numeri 

Unict, i numeri delle immatricolazioni

Secondo gli ultimi dati di Anvur, Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, aggiornati al 20 febbraio scorso, le immatricolazioni a Unict nell’Anno Accademico 2023/2024 sono state poco più di ottomila, in netta crescita rispetto alle 6.300 del 2022/23 e alle circa settemila del 2021/2022. Quest’ultimo dato potrebbe essere influenzato dal “rimbalzo tecnico” dovuto alla pandemia, che nell’anno precedente aveva bloccato anche il sistema universitario. Un trend di crescita che si consolida negli ultimi anni, legato anche al successo delle attività di orientamento. “Il ministero sta ancora elaborando i dati, ma sicuramente abbiamo avuto un incremento consistente direttamente riconducibile a tali attività”, spiega Brundo. Quel che è certo è che i numeri degli studenti partecipanti crescono in modo significativo. “Il progetto ha durata quadriennale, e andrà avanti fino al 31 agosto 2026. Ogni anno accademico il ministero ci fornisce dei target, che speriamo di continuare a superare come fatto fino a questo momento”.

Leggi anche – Sanità, intesa tra Regione e Università su assistenza e formazione

L’importanza dell’orientamento

Protagonisti del Salone dell’orientamento, spiega la delegata del Rettore, sono i ragazzi dell’ultimo biennio delle scuole superiori, e più in generale tutti i diplomati che non hanno ancora deciso se iscriversi all’Università e a quale indirizzo. “Già lo scorso anno è stato un successo, con circa 8.500 studenti partecipanti a fronte di un target fissato a cinquemila”. Le risorse a disposizione ammontavano a “circa due milioni di euro”, e sono servite a finanziare “una prima fase di orientamento che si è svolta nelle scuole, e poi un ciclo di laboratori e moduli di potenziamento sulle materie oggetto dei test di accesso ai corsi di laurea a numero programmato”. Per fare alcuni esempi, chimica, fisica, matematica, biologia, competenze linguistico testuali. La fase finale è stata rappresentata proprio dal Salone dell’Orientamento. “Organizzato anche grazie al supporto del personale tecnico amministrativo del mio ufficio, composto dalle dottoresse Marcella Nucifora, Giuseppina Agosta e Carmela Ferlito“, sottolinea Brundo.

Leggi anche – Università a Ragusa, arriveranno Agraria e Scienze Motorie

Il tema dell’internazionalizzazione

La responsabile anticipa alcuni dettagli sull’edizione di quest’anno. “Oltre alle classiche attività di orientamento, con approfondimento sull’offerta formativa, ci sarà un focus sulla sostenibilità, durante il quale sarà regalata una pianta di leccio a ciascuna scuola partecipante, grazie al Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente e alla Forestale“. Durante il Salone ci sarà spazio anche per attività più leggere, “per esempio un contest musicale con alcune band selezionate da una giuria”. Il punto nevralgico rimane però l’orientamento, “attraverso il quale puntiamo a continuare ad aumentare le immatricolazioni“. Con uno sguardo anche all’internazionalizzazione, sottolinea Brundo. “Il progetto ‘Oui, ovunque da qui’ è destinato soltanto alle scuole con sede in Italia, ma l’Ateneo si sta muovendo anche per attrarre studenti internazionali. Penso all’apertura del corso di Medicina/Surgery in lingua inglese. Anche in questo ambito sta mostrando trend positivi“, conclude la delegata del Rettore per l’orientamento.

- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci, giornalista e autore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli