fbpx

Volo Roma-Catania in ritardo di 8 ore. “Passeggeri lasciati al proprio destino”

Doveva partire da Roma alle 22.20 il volo RyanAir da Roma Fiumicino a Catania Fontanarossa, ma per i circa 200 passeggeri l'attesa prima di poter rientrare a casa è durata otto ore. Lo denuncia l'associazione Codici Sicilia

Un normale rientro a casa in aereo che si trasforma in un viaggio da incubo. Questo è quello che è successo ai passeggeri del volo RyanAir partito da Roma Fiumicino con destinazione Catania lo scorso giovedì. Oltre otto ore di ritardo per un volo che sarebbe dovuto partire alle 22.20 ed atterrare a “Fontanarossa”. Questo è quanto denunciato da tanti passeggeri che hanno deciso di rivolgersi all’Associazione Codici Sicilia. “Che ci fossero dei problemi lo abbiamo scoperto quasi subito visto che siamo partiti da Roma con quasi due ore di ritardo – racconta il passeggero – in volo poi ci è stato comunicato che, per motivi non meglio precisati, saremmo atterrati a Palermo e non più a Catania. Contemporaneamente siamo stati “rassicurati” dal fatto che a Punta Raisi avremmo trovato degli autobus pronti a portarci nel capoluogo etneo senza nessun tipo di spesa aggiuntiva”.

“Duecento persone abbandonate al proprio destino”

Raggiunta Palermo i viaggiatori si trovano di fronte ad una realtà completamente diversa. “Quasi duecento persone abbandonate al proprio destino dentro l’aeroporto senza nessun riferimento, senza assistenza, senza un numero di call center per darci delle risposte e senza nemmeno una bottiglia d’acqua. Famiglie con bambini, turisti, anziani completamente disorientati e sfiniti dalla stanchezza. Siamo stati costretti – continua il passeggero – a noleggiare dei taxi per raggiungere Catania sborsando di tasca nostra anche 100 euro a persona. Il tutto per tornare a casa alle 6 del mattino di venerdì con ben otto ore di ritardo sulla tabella di marcia”.

“Previsti indennizzi da 250 a 600 euro”

“Gli inconvenienti possono anche verificarsi – queste le parole del segretario regionale dell’associazione dei consumatori Centro per i Diritti del Cittadino – “Codici Sicilia” avvocato Manfredi Zammataro – quello che consideriamo intollerabile è lasciare i passeggeri, molti dei quali soggetti “fragili” come bambini o anziani, privi di assistenza e informazioni. Giova evidenziare come la Compagnia aerea aveva il dovere di attivarsi secondo modalità e tempistiche – previste espressamente dalla carta dei diritti del passeggero e dal Regolamento (CE) 261/2004 – offrendo ai passeggeri la possibilità di raggiungere Catania, facendo di tutto per ridurre il più possibile i disagi per gli utenti. È utile ribadire – conclude Zammataro- che i passeggeri non devono scoraggiarsi di fronte alla mancata assistenza del servizio clienti delle compagnie. Devono far sentire la loro voce, perché i diritti ci sono, anche se alcune compagnie aeree sembrano ignorarle o, peggio, calpestarli. È bene ricordare, ad esempio, che sono previsti indennizzi da 250 a 600 euro a seconda della tratta per ciascun passeggero oltre al rimborso di tutte le spese sostenute. Per questa ragione ci attiveremo in tutte le sedi opportune affinché queste persone possano ottenere giustizia”, conclude.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli