fbpx
spot_img

PRIMO PIANO

Ultime

Villa romana del Casale, via a lavori per eliminare ristagni d’acqua e muschi

La Soprintendenza per i beni culturali di Enna ha affidato e consegnato i lavori urgenti di manutenzione ordinaria e straordinaria della villa romana del Casale di Piazza Armerina

Confagricoltura Ragusa denuncia ritardi sui crediti d’imposta per gli investimenti

La proroga dei crediti d'imposta per investimenti, scrive Confagricoltura Ragusa, sta subendo ritardi benché prevista dalla Finanziaria 2023. Le richieste della categoria al governo

Vino, il miglior “bianco” prodotto nelle scuole d’agraria è realizzato in Sicilia

Il riconoscimento per il miglior vino prodotto nelle scuole d'agraria è arrivato al Vinitaly di Verona, consegnato dalla Presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Sicilia vincitrice

I rifiuti creano un’altra emergenza in Sicilia. Tari a rischio aumento del 30%

La gestione dei rifiuti è costata di più ai comuni nel 2023 e questo potrebbe tramutarsi in un aumento della Tari per i cittadini. Anci Sicilia e Città Metropolitane sono state ricevute a Palermo per discutere con il presidente della Regione delle soluzioni per scongiurare i rincari

Grand Hotel et Des Palmes passa a Mangia’s. Investimento nei city hotel lusso

Stimato un aumento del fatturato del 12%. L'investimento punta ad una clientela lusso fatta soprattutto da stranieri, già particolarmente attratti da Palermo

Salute, a Siracusa incontro sull’impatto dell’intelligenza artificiale in medicina

Il potenziale trasformativo dell’intelligenza artificiale nell’intersezione tra medicina, biologia computazionale e ricerca scientifica all’avanguardia al centro dell'incontro

Premio Strega a Catania, il 20 aprile ai Benedettini. Posti a sedere “sold out”

I dodici autori semifinalisti del Premio Strega, principale premio letterario italiano, saranno a Catania il 20 aprile in un evento presentato da Mattia Insolia e Lorena Spampinato. Si tratta della seconda volta in 12 mesi

Anno scolastico 2024/25, in Sicilia le lezioni inizieranno il 12 settembre 

Per il prossimo anno scolastico 2024/25 in Sicilia ci saranno complessivamente 207 i giorni di scuola o 206 nel caso in cui la festa del Patrono locale dovesse ricadere nel periodo scolastico. Si comincia il 12 settembre 2024, si terminano le lezioni il 7 giugno 2025

Lo “scarto” per generare Bellezza: a Gela le opere del progetto “Fuori le Mura”

"La Giustizia per la Bellezza di Comunità" è il titolo del convegno che si terrà il 15 aprile 2024 a partire dalle 15.30 nei locali della pinacoteca comunale di Gela e organizzato nell'ambito del progetto "Fuori le Mura" promuove il primo inserimento o il reinserimento lavorativo e sociale delle persone sottoposte a misure e sanzioni di comunità, o in regime di detenzione in carcere e finanziato da Fondazione con il Sud e con capofila la Cooperativa Prospettiva Futuro. Al termine del dibattito la presentazione di due "Opere di Riparazione" realizzate dai detenuti della Casa circondariale di Gela
- Pubblicità -spot_img

In evidenza

Aree interne, il “decalogo” di Cgil e Cna Sicilia per contrastare lo spopolamento

Cgil e Cna Sicilia presentano in “decalogo “ per lo sviluppo delle aree interne, zone sempre più marginali dove risiede oltre il 40% della popolazione siciliana. Chiesta una cabina di regia

Sicurezza sul lavoro, la manifestazione Cgil e Uil a Palermo

A Palermo, davanti la presidenza della Regione siciliana, Cgil e Uil chiedono maggiore sicurezza sul lavoro, in una regione dove muore un lavoratore ogni 4 giorni. Non è l'unica manifestazione in Sicilia, dove sono molti i presidi e i flash-mob

Export in Sicilia: cresce ma non corre e solo negli ultimi 20 anni. Traina Siracusa

L'export in Sicilia è cresciuto negli ultimi 20 anni, ma non ha recuperato il gap rispetto le regioni del Nord Italia. Solo sei province entrano nella classifica dei 107 territori in grado di fare la differenza a livello nazionale. I dati della Cgia di Mestre

Sanità, le cure costano sempre di più alle famiglie. E 1 su 4 al Sud rinuncia

Nel 2022 le famiglie della Sicilia hanno pagato quasi 1.219 euro di tasca propria per la sanità, l'otto per cento in più rispetto all'anno precedente. Cresce il numero di quelle che rinunciano alle cure, toccando il 25% nel Mezzogiorno. I numeri dell'ultimo report Gimbe
- Pubblicità -spot_img